Ugo Tognazzi: "il genio" della commedia italiana

Ugo Tognazzi: attore con la "A" maiuscola, comico eccezionale, "genio" della commedia Italiana. Il miglior interprete di vizi e virtù della nostra società. In memoria del 25 esimo anno dalla sua…

Ugo Tognazzi: attore con la “A” maiuscola, comico eccezionale, “genio” della commedia Italiana. Il miglior interprete di vizi e virtù della nostra società. In memoria del 25 esimo anno dalla sua morte, Skycinema classic propone una serata all’insegna dei suoi capolavori: alle h 21.00 “I mostri” di Dino Risi e alle h. 23.00 “Sissignore“.

Sabato 31 la rassegna continua a partire dalla mattina con una carrellata dei suoi film più famosi: “I nosri mariti“, a seguire “Totò nella Luna“, “Sissignore“, “I mostri“, “Scusa se è poco“, e per concludere in serata “Sette piani” e il “Fischio al naso“. Anche Iris lo ricorda martedì 27 alle h. 15.00 con il film “Il Mattatoio”.

ugo tognazzi

Nato a Cremona il 23 marzo del 1922, Ugo Tognazzi è entrato nella storia del cinema non solo grazie al suo talento artistico, bensì alla sua profondità come “Uomo”. Dotato di grande empatia e sensabilità è stato uno dei  migliori interpreti dei pregi e dei difetti della nostra società. L’abbiamo visto interpretare numerosi ruoli: dall’impresario cinico, al conte Mascetti, all’omosessuale disperato. Sempre geniale nella sua bravura.

Una carriera brillante affiancata da una vita sentimentale “movimentata”, che lo ha reso protagonista di gossip e giornale scandalistici. Esordisce nel 1930 nel film “I cadetti di Guascogna” di Mario Muttoli e interpreta in seguito più di 150 film. Come non ricordare fra i suoi capolavori “Il Vizietto” e “Amici Miei“.  Ed è proprio da quest’ultimo film la citazione che meglio lo descrive: “Che cos’è il genio? È fantasia, intuizione, decisione e velocità di esecuzione”.

Stroncato da un’ emorragia cerebrale il 27 ottobre 1990, dopo un periodo di depressione, il suo talento continuerà a vivere sullo schermo nei suoi numerosi film.


Aggiungi un commento