Ylenia Carrisi: non è suo il Dna della donna uccisa dal killer

È arrivata oggi  dallo sceriffo Denis Haley, la conferma definitiva che ha la donna uccisa dal camionista americano Keith Jeperson nel 1994 non è Ylenia Carrisi, la figlia di Albano Carrisi e Romina Power.…

È arrivata oggi  dallo sceriffo Denis Haley, la conferma definitiva che ha la donna uccisa dal camionista americano Keith Jeperson nel 1994 non è Ylenia Carrisi, la figlia di Albano Carrisi e Romina Power. I resti del cadavere trovato nei pressi di una stazione di servizio a Palm Beach, rimangono quindi senza un’identità come senza senza pace rimane la famiglia Carrisi. Sarà proprio lo sceriffo a raccontare tutti i risvolti del caso nella trasmissione “Chi l’ha visto?” questa sera.

Albano e la fine del martirio

Su questa vicenda Albano ha da sempre espresso scetticismo, rifiutando di illudersi, fin dalla scomparsa, ad ogni notizia, ipotesi o possibile pista investigativa in merito alla vicenda della figlia di cui non si hanno notizie da ormai 22 anni. Fu infatti per sua richiesta che un anno fa venne dichiarata la presunta morte della figlia. Per porre fine ad un martirio che da troppo affliggeva l’intera famiglia.


Il caso riaperto

Il caso è stato fatto riaprire dalle segnalazioni di una tv americana dopo le confessioni  dell’uomo e per le analogie con il caso di Ylenia. Il camionista aveva, infatti, confessato di aver ucciso una

ragazza bionda, dalla descrizione simile ad Ylenia e di nome Susanne, nome con cui ai tempi la ragazza usava farsi chiamare.

Non è Ylenia Carrisi

Sono quindi subito partite le indagini dell’Interpol e i prelievi del Dna ad Albano, Romina e a tutta la famiglia Carrisi. Proprio la Power di recente non aveva mancato di esprimere il suo dissenso nei confronti della stampa, chiedendo silenzio in un momento così delicato per una famiglia che da troppo soffre.  Un caso che a quanto pare, ancora destinato a rimanere irrisolto, in quanto i test non hanno rilevato alcun legame tra il cadavere, che ancora rimane senza noma, e Ylenia.

 

 

 

Aggiungi un commento