Utero in affitto: Angelino Alfano dice NO e propone di renderlo punibile con il carcere

Tema sempre più delicato quello che riguarda la Stepchild Adoption, istituto anglosassone che tradotto in italiano vuol dire “adozione del figliastro” da parte di coppie eterosessuali ed omosessuali. L’Italia è…

Tema sempre più delicato quello che riguarda la Stepchild Adoption, istituto anglosassone che tradotto in italiano vuol dire “adozione del figliastro” da parte di coppie eterosessuali ed omosessuali. L’Italia è ancora fanalino di coda rispetto ai vicini europei su temi quali utero in affitto o sulla tutela di figli che nascono da persone del medesimo sesso ed il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha espresso il suo giudizio in merito dicendo che andrà contro chiunque sfrutti uteri in affitto.

L’utero in affitto diventerà un reato universale?

Il Ministro Alfano, in un’intervista al quotidiano di ispirazione cattolica Avvenire, ha affermato la propria volontà di far diventare l’utero in affitto un reato universale punibile con il carcere. Il leader Ncd rimane fermo sulle sue posizioni dicendo che, se la Stepchild Adoption verrà consentita anche in Italia, egli darà vita ad una grande raccolta di firme per un referendum abrogativo. Alfano continua dicendo che il movimento politico da lui creato è nato come baluardo a difesa di vita e famiglia e che la Stepchild rischia di portare il Paese verso l’utero in affitto, ovvero “il mercimonio più ripugnante che l’uomo abbia saputo inventare”.

Stepchild Adoption: dove è consentita?

Sono molteplici i Paesi Europei nei quali la Stepchild Adoption è consentita. Ricordiamo il Regno Unito, la Spagna, la Svezia, la Norvegia, la Danimarca, il Belgio e la Francia, dove è possibile per le coppie omosessuali adottare bambini. Invece in nazioni come la Germania, la Finlandia e la Groenlandia pur non consentendo l’adozione di bambini da parte di coppie dello stesso sesso viene riconosciuta, a chi è in convivenza registrata con una persona dello stesso sesso, l’adozione dei figli naturali e adottivi del partner. In Italia sono centinaia, se non migliaia, le coppie formate da persone dello stesso sesso che decidono di fare nascere i propri bambini all’estero grazie alla procreazione assistita eterologa.

Aggiungi un commento