Ponte dell'Immacolata piegato dall'alta pressione

Nebbia fredda al Nord e nubi in transito al Sud. Le ultime piogge promettono un week end umido che si inaugura con l'8 dicembre

Un po’ dappertutto in Italia si percepiranno gli effetti dell’alta pressione che sta per abbattersi sul Ponte dell’Immacolata. Una fitta coltre di nebbia fredda si prepara ad avvolgere le regioni settentrionali dello stivale.

Mentre scendendo verso tacco e punta la foschia lascerà il passo a cumuli di nubi sparse.Facile quindi prevedere pioggia giù al Sud. Gli unici barlumi di sole si faranno spazio, trovando uno spiraglio sul Centro Italia.

Nebbia, persistente da martedì

Il manto nebbioso ha fatto il suo ingresso al Nord, lo scorso 6 dicembre. E non sembra intenzionato a dissolversi troppo presto. Sarà ospite prepotente per tutta a settimana, almeno fino al 11 o il 12 del mese. La coltre inghiottirà l’intera Pianura Padana, dove sarà scarsa la visibilità. Mentre lascerà respirare le vette, sulle Alpi, dove ci sarà il Sole, dove sarà facile ritrovare anche un clima gradevole. 

Raggi decisi e vigorosi scalderanno anche le coste tirreniche, per lo meno di giorno. Procedendo verso la prossima settimana, si andrà incontro ad un graduale abbassamento della temperatura, che sarà percepibile soprattutto la notte. Più nuvoloso, invece, il cielo sull’Adriatico.

Piogge al Sud pronte ad estinguersi

Il meridione invece sarà caratterizzato da temporali e piogge sparse, destinante ad estinguersi nell’arco del fine settimana. Particolarmente colpite dalle precipitazioni le isole e la Calabria che sbocca sul Mar Ionio. Entro sabato però dovrebbero essersi esaurite definitivamente.

Già da venerdì, infatti, sarà possibile riscontrare un notevole miglioramento un po’ ovunque. In particolare, nella zona settentrionale le piogge si indeboliranno fino, come detto, a scomparire del tutto.

 

Aggiungi un commento