Ecco cosa c'è realmente nel ripieno del KitKat

In un documentario in onda sulla BBC viene finalmente svelato il modo in cui viene prodotta la famosa barretta di cioccolato, amatissima in tutto il mondo

Spesso ci domandiamo di cosa sia realmente fatto ciò che mangiamo e le risposte non sempre ci soddisfano. Tutti conosciamo il gustoso snack KitKat ma di fatto non sono in tanti coloro che sanno cosa ci sia effettivamente al suo interno. La descrizione ufficiale della Nestlé descrive il ripieno come un “Croccante wafer unito ad un cremoso strato di cioccolato“. Gregg Wallace però, autore di un documentario dell’emittente britannica BBC, ha una risposta ben diversa e del tutto sconvolgente. 

La storia dei KitKat e la recente scoperta

Il KitKat è uno snack dolce fatto di wafer ricoperti di cioccolato, prodotto dalla Nestlé, grande multinazionale del settore alimentare. Apparsi per la prima volta nel 1935 e lanciati come “I migliori biscotti al mondo” , da allora sono sempre stati amatissimi da grandi e piccini. Oggi ne esistono di molteplici gusti e la loro popolarità non accenna a diminuire. Solo recentemente però è venuta a galla la verità sulle procedure seguite dagli addetti ai lavori per la produzione delle barrette.


A riportare alla luce il tutto è stato il giornalista britannico Gregg Wallace, intento a realizzare per la BBC una serie di documentari chiamati Inside the factory. Proprio durante la registrazione di un episodio, il giornalista ha fatto visita ad uno stabilimento Nestlé dello York. Sospettoso nello scorgere una gran quantità di KitKat sbriciolati, è sorta spontanea la sua domanda ad un operaio: Di questo cosa ne fate? La risposta lo ha lasciato però senza parole. Il curioso giornalista di fatto si è sentito rispondere che proprio quei rimasugli sarebbero stati riutilizzati per farcire altre barrette. Una verità sconvolgente che ha lasciato basito il giornalista.

Non solo KitKat

Ma il KitKat è solamente uno dei tanti prodotti ottenuti con metodi non propriamente trasparenti ai consumatori. I casi più celebri riguardano anche altre multinazionali al pari della Nestlé. Una tra queste è McDonald’s, continuamente al centro di infuocate polemiche sulla qualità degli ingredienti utilizzati per preparare i famosi hamburger. Come non pensare inoltre alla Coca Cola, che ha fatto della segretezza della formula il suo punto di forza per anni. Sembra ora opportuno pensare che la nota Nestlé dovrà far fronte a numerose domande e dare spiegazione di tutto quei ai suoi accanitissimi consumatori.

Aggiungi un commento