Nina Moric contro la Svezia e testimonial di CasaPound

Nina Moric, su Facebook, si è scagliata contro la Svezia a seguito degli attacchi terroristici. La donna si è anche dichiarata testimonial di CasaPound

A poche ore dall’attentato terroristico a Stoccolma, sono molti i personaggi pubblici ad esprimere la propria opinione dinnanzi agli attacchi. Tra questi, anche la modella croata Nina Moric che non si è risparmiata affermazioni dirette. Da qualche giorno inoltre la donna è nuovamente al centro dell’opinione pubblica anche a seguito di una foto scattata davanti alla sede romana del partito CasaPound.


La richiesta di boicottaggio per la Svezia

La modella croata Nina Moric, in questi giorni, non si è risparmiata dal dire la propria opinione riguardo i fatti pubblici del mondo senza giri di parole. La showgirl, tra i numerosi temi affrontati, si è lasciata andare ad un commento anche riguardo l’attentato terroristico sferrato poche ore fa a Stoccolma, in Svezia.


La donna, su  Facebook ha infatti affermato: “La Svezia è il paese che accoglie più pseudo profughi in assoluto, indignarsi non serve proprio ad un fico secco. Boicottiamo l’Ikea e Ibrahimovic piuttosto”.

Nina Moric si espone così contro la nazione e contro i simboli di origine svedese di maggior esportazione nel mondo.

Le idee della showgirl sembrano dunque andare controcorrente rispetto alle misure di solidarietà effettuate dal maggior numero dei paesi europei e internazionali.




Nina Moric contro la Svezia e testimonial di CasaPound


Nina Moric sostenitrice di CasaPound

Un altro tema in cui la modella non si è risparmiata è stato riguardo la recente decisione del presidente americano Donald Trump di attaccare la Siria. La showgirl ha partecipato alla manifestazione di protesta effettuata davanti al consolato americano dopo la notizia dell’attacco. La modella croata sceglie nuovamente i social network per esprimere la sua opinione riguardo le vicende quotidiane. L’ultimo post, riguardo la decisione americana del presidente Trump, sollecita: “Molti si sono espressi contro il bombardamento di stanotte, eppure al consolato statunitense ci siamo andati solo noi”.




Nina Moric ha deciso di uscire allo scoperto e si è mostrata al fianco dei sostenitori del partito CasaPound.

La sua figura è diventata testimonial del partito di destra radicale e, in diverse occasioni, ha deciso di rendere pubblico il fatto. Tra questi, la foto che la ritrae davanti alla sede romana del partito.




Nina Moric contro la Svezia e testimonial di CasaPound


Aggiungi un commento