"Cos'è Selvaggia Lucarelli?", il post del prof Saraceni punge ancora

Un'analisi graffiante quella che realizza in poche parole il professor Guido Saraceni sulla figura professionale della Lucarelli. Che ovviamente replica.

Selvaggia Lucarelli è sicuramente un personaggio pubblico che fa discutere. Sempre sul pezzo, opinionista ironica e irriverente, cavalca lo scalpitante Facebook, spesso imbizzarrito, con una maestria degna della miglior allieva di Zuckerberg. Un “talento” che l’ha portata a diventare una voce (per alcuni, autorevole) di spicco e fuori dal coro nel panorama dello spettacolo italiano ma che, allo stesso tempo, l’ha vista spesso al centro di polemiche, accusata (anche realmente) di saccenteria, arroganza e populismo.

L’analisi del prof Saraceni

Proprio intorno alla controversa figura di Selvaggia Lucarelli ruota l’analisi del professor Guido Saraceni, docente di Filosofia del Diritto e Informatica Giuridica all’Università degli Studi di Teramo, che ha pubblicato sulla sua pagina Facebook. Il professore, seguito da circa 65mila utenti (la Lucarelli ha ormai sorpassato il milione), si era già reso noto ai più per un suo sarcastico quanto applaudito commento riguardo alla bufala su Facebook e Privacy (chi non ricorda il messaggio di finta tutela della privacy che ogni utente avrebbe dovuto copiare e incollare sulla propria bacheca?).

“Cos’è Selvaggia Lucarelli?”

Se da una parte, è il primo ad ammettere le capacità della giurata di Ballando con le stelle (“Selvaggia Lucarelli è brava” scrive), dall’altra la dipinge come il “simbolo di un Paese sui generis, in cui tutto è in ordine e niente è a posto” scrive nel suo post. La Lucarelli infatti “non è un comico, ma è giudice nella giuria di un talent show sulla comicità che va in onda su La7, non è una ballerina, però è giudice in Ballando con le Stelle, non è una giornalista, tuttavia scrive su Il Fatto Quotidiano, non è un d.j., però ha un programma radiofonico molto seguito“. Varie sono infatti le sfumature della vip, dotata di un talento metamorfico che le permette di partecipare a programmi differenti pur non avendo competenze apparentemente specifiche. Un elenco che non lascia molto spazio alle interpretazioni e che mostra quanto la Lucarelli possa e riesca a giudicare, pur non avendone, almeno formalmente, le qualifiche.

Schermata 2017-04-10 alle 23.49.44

Il primo post del Professor Guido Saraceni su Facebook



La replica

La replica della presa in causa non si fa attendere a lungo. Al tweet di Adnkronos ribatte divertita: “Ah quindi smetterà di invitarmi all’università, di chiedermi di vederci, di mandarmi i suoi pezzi? Che peccato. 😉“. Parole allusive che lasciano interdetti gli utenti e sembrano punzecchiare il professore. Quest’ultimo e la Lucarelli avevano già avuto dei contatti?

Schermata 2017-04-10 alle 17.57.38

La replica su Twitter della Lucarelli



Non paga, la Lucarelli decide di affondare definitivamente il suo “avversario”. È di questa mattina un lungo post in cui accusa alcuni personaggi pubblici di incoerenza, tra cui Saraceni. “L’esimio professor Saraceni però è il top. Un professore universitario che da anni si sforza di diventare webstar e cerca la tv e la popolarità come le falene la luce” lo ritrae impietosa.

Poi racconta, rivelando nuovi elementi a tratti imbarazzanti: “Mi scrive da tempo perché ho condiviso un suo post secoli fa. Mi invita a vederci. Mi invita alla sua università. Mi chiede se può fare un programma TV con me in Australia. Mi chiede di dargli una mano a trovare un editore. Mi manda i suoi selfie. Le foto di lui in TV. Mi elenca i suoi successi sul web e i like che riceve. Io sono gentile, ma negli anni declino inviti di ogni tipo. Poi due giorni fa scrive un post sulla solita solfa che sono giudice in programmi senza competenze e scrivo senza il tesserino da giornalista e blablabla per poi concludere che io, Renzi e non so chi siamo il simbolo di un paese in cui niente è a posto blablabla. Ora io dico: non vi chiedo di esservi simpatica, ma almeno di prendere in considerazione il fatto che poi, provocazione dopo provocazione, mi possa pure girare il culo e raccontare come stanno veramente le cose.

Non chiedo manco coerenza. Solo furbizia. Quella ce l’hanno pure i furetti, Dio santo”.

I chiarimenti

Messa in dubbio la sua “integrità”, sbeffeggiato e irriso pubblicamente (la Lucarelli posta addirittura un collage degli screenshot dei numerosi messaggi ricevuti dal professore, come “prova”), Saraceni decide di chiudere la questione impartendo una lezione di correttezza social. Insomma, uno a uno, palla al centro. Chi la spunterà?

Schermata 2017-04-11 alle 13.04.10

Aggiungi un commento