Radiato dall'Ordine dei Medici perché anti - vaccino

Non era mai accaduto prima d'ora: il Dott. Roberto Gava è stato radiato dall'Ordine dei Medici a causa del suo pensiero anti vaccino

Vaccinare o non vaccinare i bambini? Questo pare essere il grande dilemma dell’età corrente, un’era sospesa tra un’informazione vacante ed una disinformazione letale. Quanto vi riportiamo però accade in assoluto per la prima volta: un medico anti – vaccini è stato radiato dall’Ordine dei Medici.

Pro o contro il vaccino?

Un dilemma ostico a cui è necessario trovare celermente una risposta che possa essere in toto definitiva. Stiamo parlando dei tanto discussi vaccini: dopo il caso dell’infermiera che sembrava fingere di fare le iniezioni, la calda tematica torna a galla attraverso il volto di un medico. A diffondere la notizia Walter Ricciardi, il Presidente dell’Istituto superiore di Sanità. Tramite un tweet, si apprende come il Dottor Roberto Gava sia stato quest’oggi radiato dall’Ordine dei Medici di Treviso. Perché tanto scalpore? Perché il motivo che ha spinto la commissione ha decretare la pesante sentenza è singolare.


Radiato perché anti – vaccino

Una notizia che, in questo panorama, si apprende con titubanza. Non era mai accaduto di fatto che prima d’oggi un dottore venisse radiato dall’Ordine perché contrario alla vaccinazione. “Grazie all’Ordine dei Medici di Treviso per aver radiato il primo medico per il suo comportamento non etico e antiscientifico nei confronti dei vaccini“. Così infatti è accaduto a Roberto Gava, il dottore che da sempre aveva esposto tesi contro la vaccinazione. In sua difesa, nell’immediato, i suoi legali che così hanno tuonato su Facebook: “È stato condannato soltanto per le sue idee, idee ben fondate sull’esigenza di personalizzazione di ogni vaccinazione indiscriminata di massa“. Specializzato in Cardiologia, Farmacologia Clinica e Tossicologia Medica e perfezionatosi poi in Agopuntura Cinese, Omeopatia Classica e Bioetica, Roberto Gava è il primo medico ad essere allontanato dalla professione per tali cause.

Aggiungi un commento