"Marocchino di me**a", l'insulto a Mehdi Benatia della Juve arriva in diretta tv su Rai Sport

Imbarazzo e sconcerto in diretta su Rai Sport: mentre rispondeva alle consuete domande post partita, il bianconero Mehdi Benatia lamenta insulti razzisti in cuffia. In studio si prendono le distanze dando la colpa alle interferenze

Un episodio increscioso, da non credere, quello avvenuto nella serata di sabato 6 maggio a Rai Sport su Rai 2, nel post partita del derby torinese tra Juventus e Torino. Al centro della bufera un probabile insulto razzista rivolto al difensore bianconero Mehdi Benatia, arrivato al giocatore in cuffia mentre era collegato con lo studio per un’intervista.

L’insulto razzista a Benatia

Stai zitto, marocchino di m***a“. Queste le sconcertanti parole arrivate dalle cuffie di Mehdi Benatia mentre stava commentando il pareggio tra Juventus e Torino nel post partita della gara terminata sull’1 a 1. Il giocatore si ferma e rimane impietrito, sorpreso di aver sentito quelle parole. La sua reazione non tarda ad arrivare, con il difensore che chiede, indignato: “Chi ha parlato? Chi sta parlando?“. Palpabile la tensione e l’imbarazzo che si creano nello studio di Rai Sport: la conduttrice prova a glissare sull’accaduto, dando la scusa a delle interferenze: “Continui pure. Non siamo noi“.

 





Un episodio assurdo

Benatia rimane lì con le cuffie che gli serviranno a poco, visto che il collegamento tra lo studio e Torino verrà chiuso tempestivamente poco dopo, salutando l’ospite in maniera frettolosa. In studio prendono tutti le distanze dall’accaduto – “Se ci sono stati insulti, chiaramente non siamo stati noi” – mentre in secondo piano si vede il difensore bianconero che ancora non sembra crederci mentre si toglie l’auricolare e, contrariato, abbandona la postazione.

Poco prima del fatto, mentre Benatia parlava, rispondendo a una domanda, si era sentita un’altra voce in sottofondo dire: “Ma che ca**o stai dicendo?“. Dopo il collegamento nella bufera, l’ufficio stampa della Juventus fa sapere la natura dell’insulto rivolto a Benatia: un’espressione che non arrivava dallo studio e che ancora non si capisce chi l’abbia pronunciata.

Altri insulti vengono lamentati in occasione del derby della Mole, ma questa volta dalla sponda granata. Il tecnico del Toro Mihajlovic parla di episodi di razzismo dalla curva juventina nei suoi confronti: “Parliamo tanto di razzismo in Italia, ma non è solo questione di bianco o nero. Aspetto chi mi ha chiamato zingaro, me lo venga a dire in faccia. Sanno dove vivo, vediamo se hanno le p…“.

Aggiungi un commento