Heather, campionessa di rugby: la sua lotta contro l'anoressia e l'alopecia

Heather Fisher, campionessa della nazionale britannica di rugby ha deciso di parlare delle sue battaglie più grandi: l'anoressia e l'alopecia

Heather Fisher, 32 anni, è una campionessa britannica di rugby divenuta nota non solamente per la sua indiscussa bravura nello sport ma anche per la sua lunga battaglia contro l’anoressia e la convivenza con l’alopecia che la rendono un esempio per coloro che hanno ancora delle lotte da affrontare. Intervistata da Vanity Fair confessa le sue debolezze senza però riuscire a nascondere la sua grande forza.

La lotta contro l’anoressia

Inizialmente la sua attività sportiva era il canottaggio: “Facevo canottaggio da giovane e dovevo restare nel peso giusto per la barca della mia categoria. Quando i miei genitori hanno divorziato non riuscivo più a controllare molto, l’unica cosa era il non mangiare. Non è stato per niente facile per Heather lottare contro qualcosa più grande di lei: l’anoressia. Superare quel periodo non è stato semplice, ben 18 lunghi mesi che hanno portato, fortunatamente, alla sua vittoria. Anche se un minimo rimane pur sempre: quando attraversa un momento particolare della sua vita non è facile continuare a mangiare. Ma Heather ha lo sport che la incoraggia a superare ogni difficoltà.


La convivenza con l’alopecia

La sua passione più grande oggi non è più il canottaggio ma il rugby. Campionessa indiscussa della nazionale britannica è una delle atlete più forti della sua squadra. Oggi Heather si ritrova a lottare anche contro gli sguardi più severi della società a causa dell’alopecia. Quasi priva di capelli ha spesso gli occhi puntati su di lei: “Non giudicate un libro dalla copertina –  puntualizza – Abbiamo tutti cose che non ci piacciono del nostro aspetto e che decidiamo di mostrare oppure no. Nel mio caso queste cose sono sempre in mostra”. Ma oggi è più forte di un tempo: “Una volta sarei andata via vergognandomi, ora non più, anche se fa sempre male perché alla fine sono un essere umano e basta.

Heather…un grande esempio

Quello che conta maggiormente per Heather è riuscire ad essere un’ispirazione per qualcuno: “Un ragazzino in vacanza mi ha detto che ero molto coraggiosa. Questo è l’obiettivo: essere un esempio anche per una sola persona.

Aggiungi un commento