Bear e la sua storia: da cane abbandonato a eroe dei koala

Bear, incrocio Border Collie, è stato ingaggiato per scovare i koala dalle foreste australiane: da cane abbandonato a eroe degli animali

I cani sono un valore aggiunto non solo per noi bipedi ma anche per gli altri amici animali. Questa è la storia di Bear un dolcissimo incrocio Border Collie/Koolie che con i suoi occhioni azzurri non meritava di essere abbandonato in un rifugio australiano per via del suo temperamento troppo vivace. Di certo questo non è un evento positivo per la vita di un cane, nonostante in alcune occasioni, potrebbe invece rappresentare un nuovo inizio, più felice e sereno. A Bear, proprio grazie alla sua devozione al gioco e all’attività, è stata data una possibilità alquanto esclusiva: far parte di un progetto di addestramento per scovare i koala locali, in tutela della specie.


Bear e il “Fondo Internazionale del Benessere degli Animali

L’Università del Queensland in Australia e il Fondo Internazionale del Benessere degli Animali hanno creato un progetto che vede come protagonisti cani addestrati al ritrovamento dei koala del posto, vittime costanti di incidenti stradali e di attacchi di altri animali. A questo proposito, Bear è risultato più che idoneo ed è stato così spostato dal rifugio alla sede dell’Università. Rebekka Thompson- Jones, Communication Manager del fondo internazionale IFAW afferma: “Le abilità dei cani nell’individuare gli animali selvatici sono molto alte: loro hanno un ottimo fiuto; sono animali per noi preziosissimi”.

L’iperattività come risorsa

Siccome il loro habitat naturale è sempre più in pericolo a causa dell’abbattimento degli alberi, i koala fuggono nelle foreste, rendendo molto difficile il loro ritrovamento e soprattutto la loro tutela. È in questo momento che entrano in azione cani come Bear, i quali aiutano l’uomo in un’impresa alquanto ardua ma soddisfacente. Ricompensato con una pallina Bear ha così modo di sfogare i suoi impulsi caratteriali e di permettere il salvataggio di una specie in pericolo. Sicuramente la sua iperattività non è più un problema, anzi, dati i risultati sembra proprio che ora possa esprimere al meglio la propria personalità e chissà, magari un giorno essere pronto per una nuova avventura.

Aggiungi un commento