Neonata trovata nel freezer, l'autopsia rivela: era nata viva

L'autopsia sulla neonata trovata nel freezer ha rivelato che era nata viva, ma che era già morta quando è stata rinchiusa. Ancora sconosciuta la causa

Sono stati rivelati i risultati dell’autopsia effettuata sul corpo della neonata trovata nel freezer. La madre 4oenne aveva partorito in casa, poi l’aveva chiusa nel freezer ed era andata in ospedale. La piccola era nata viva, ma non è chiaro per quanto sia sopravvissuta. Il medico legale non ha trovato segni di congelamento o asfissia.

Neonata rinchiusa nel freezer

Una donna di 40 anni residente a Migliarino, vicino a Ferrara, il 2 giugno scorso aveva partorito in casa ma si era recata in ospedale solo 4 giorni più tardi, dicendo di essere caduta. Durante i controlli i medici si erano accorti dell’emorragia interna in corso e l’avevano operata. Salvandola così dalla sepsi ma non dalle domande della polizia. Dopo una prima perquisizione della sua abitazione, che non aveva portato a niente, la donna aveva poi ammesso di aver chiuso la neonata nel freezer. Ora è indagata per omicidio volontario e occultamento di cadavere. Il marito della donna, con cui viveva insieme ad altri 6 figli, ha dichiarato di non saperne nulla della gravidanza.


I risultati dell’autopsia: era nata viva

L’autopsia effettuata sul corpo della neonata ha rivelato che la bambina, al momento del parto, era ancora viva. Lo hanno dichiarato gli avvocati difensori della donna. Non si conoscono, però, le cause della morte, né quanto abbia vissuto. Non c’è segno di violenza, e nessuna traccia di asfissia o di congelamento. Il medico legale ha dunque stabilito che la piccola fosse morta già prima di essere messa nel freezer. Frutto di un aborto non spontaneo, la neonata aveva dai 7 agli 8 mesi, e pesava 3 chili. Il cordone ombelicale era stato reciso di netto. Comunque si potranno avere risultati più approfonditi solo tra 30 giorni: devono essere infatti effettuati degli esami istologici sui tessuti della piccola. Allora, probabilmente, si potrà fare più luce sulla vicenda.

Aggiungi un commento