Chieti, arrestato durante il matrimonio

In provincia di Chieti, un uomo è stato arrestato poco prima di pronunciare il fatidico “Sì”, con l’accusa di lesioni personali, tentata estorsione e detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Si sarebbe dovuto sposare nella giornata di ieri, venerdì 16 giugno, e segnare per sempre quel giorno con il fatidico “” nei confronti della sua amata. Invece, i programmi di Sante De Rosa, 30enne di Lanciano, un paese in provincia di Chieti, sono stati rapidamente cambiati, proprio mentre l’uomo si trovava sull’altare.

Il lancianese di etnia rom è stato arrestato, infatti, con l’accusa di lesioni personali, tentata estorsione e spaccio di stupefacenti. Pertanto, come regalo per il giorno del suo matrimonio, il gip Massimo Canosa non gli ha regalato una luna di miele, ma un ingresso al carcere di Villa Stanazzo, in manette.

Arrestato a seguito delle indagini                                               

Il provvedimento cautelare, richiesto dalla pm Rosaria Vecchi, è stato firmato proprio da Massimo Canosa, il gip di Lanciano, a seguito delle indagini condotte dai carabinieri locali e il grande rischio di recidiva dell’imputato.


Sante De Rosa, attualmente disoccupato, è già noto alle forze dell’ordine a causa dei reati precedentemente commessi legati alla droga e contro il patrimonio. Le accuse che, attualmente, pendono nei confronti, invece, sono frutto di numerose indagini, avviate dopo che un giovane, il quale si riforniva da De Rosa, si è rivolto ai carabinieri di Lanciano, perché, secondo quanto riferito dalla Procura, “esasperato e spaventato dalle continue richieste di pagamento a cui era sottoposto”.

Un matrimonio con imprevisti

I militari hanno, in questo modo, potuto accertare che l’uomo, oltre a cedere ripetutamente marijuana e cocaina a degli assuntori, è stato anche l’autore di violenze inaudite nei confronti di un ragazzo, che non gli aveva ancora pagato la dose acquistata. La vicenda risalirebbe allo scorso 2 marzo: il giovane sarebbe stato aggredito e avrebbe riportato un trauma facciale con frattura dello zigomo destro.

Così, durante il suo matrimonio, Sante De Rosa è stato arrestato dai carabinieri di Lanciano e trasportato al carcere di Villa Stanazzo, in attesa del processo.

Aggiungi un commento