Gloria Trevisan, l'ultimo messaggio d'amore prima della fine

Subito dopo la famiglia, il pensiero è andato alle amiche di sempre: un vocale su Whatsapp, poi il nulla

Sono passati due giorni dalla conferma del decesso di Gloria Trevisan e Marco Gottardi nella tragedia della Grenfell Tower. Eppure l’Italia non riesce a farsene una ragione. Una coppia giovane (appena 27 anni) piena di sogni e aspettative, lascia il Paese, pronta a conquistare il mondo, armata solo di curiosità e forza di volontà.

Poi il dramma. Ore d’angoscia, si sono susseguite interminabili, dopo quell’orribile notte in cui la torre è stata ammantata da mille lingue di fuoco. Per giorni i ragazzi sono stati dati per dispersi. Fino al giungere della terribile notizia: la morte nell’inferno di cristallo.

Gli ultimi istanti

Nel panico degli ultimi istanti, Gloria ha cercato, anche se lontani chilometri, i suoi affetti più cari. Prima la telefonata ai genitori. La giovane, colta da un orribile presagio, ringrazia la madre al telefono per tutto ciò che le ha dato. I suoi genitori hanno lavorato sodo e fatto grossi sacrifici per garantirle la preparazione all’università. Sacrifici che la Trevisan ha ripagato a piene mani, laureandosi con il massimo dei voti. Da poco aveva cominciato a lavorare in uno studio di architettura di Londra. Viveva con il suo ragazzo Marco. La vita sembrava un sogno.


Subito dopo aver sentito la famiglia, le amicizie sono state il suo pensiero imminente. Gloria ha inviato un messaggio vocale, su un gruppo Whatsapp, l’ultimo della sua vita. Dall’altro lato della chat, a riprodurla le sue amiche Vanessa e Marta. Insieme a Gloria formavano un trio inseparabile. Prima della fine Gloria ha detto loro: “Se capiterà qualcosa sappiate che vi voglio bene e ho voglia di vedervi“. Le tre amiche avrebbero dovuto incontrarsi questa settimana, che Gloria aveva in programma una vacanza di ritorno in Italia.

Il dolore della amiche

Vanessa in particolare, al momento della tragedia si trovava in Grecia, per una breve vacanza con il suo ragazzo. Appena ascoltato il messaggio ha provato a ricontattare l’amica, ma la linea non dava più cenni di vita. Immediatamente, allora ha provato a mettersi in contatto, per avere notizie più concrete.

Gloria ha mandato un messaggio vocale a Vanessa – racconta Ennio Perin, papà di Vanessa –  sembrava spaventata ma non voleva preoccuparla. Ha detto che il palazzo era in fiamme. Che l’appartamento era pieno di fumo e forse ha voluto rassicurarla dicendo di non preoccuparsi. Le ha ripetuto che le voleva bene, da quello che ho capito ha detto che sarebbe stata sempre loro vicino, come un angelo custode“. “Quando ha sentito il messaggio, Vanessa ha provato subito a richiamare ma il telefonino non dava nessun segnale, così ha telefonato alla mamma di Gloria” continua il signor Perin. Al fine ha deciso di rientrare nel Paese anticipatamente.  “Sta male, è un momento difficilissimo per lei. Erano amiche d’infanzia, non è capace di superare una cosa del genere, è troppo dura“.

Anche Marta, l’altro membro del “trio di amiche” non riesce a farsene una ragione. “Lo ha inviato sul nostro gruppo whatsapp” racconta la ragazza. “Ha detto che ci vuole bene e che aveva tanta voglia di vederci perché la settimana prossima sarebbe dovuta tornare in Italia. Altri particolari del messaggio preferisco che rimangano riservati, solo per noi. La comunicazione di Gloria non è durata molto, giusto il tempo di dire due frasi perché poi ha messo giù, o è caduta la linea. Non mi rendo ancora conto di quello che è successo, mi pare quasi di essere tranquilla, è una situazione inverosimile“.

Aggiungi un commento