Ius soli, Salvini attacca: "PD razzista" e Papa Francesco dice la sua

Lo Ius soli sta letteralmente infiammando il parlamento. Ecco le posizioni delle principali forze politiche e del Santo Padre.

In questi giorni il Senato si è letteralmente infiammato dopo l’accelerazione del Pd per la proposta di legge che cambierebbe la regolamentazione sull’acquisizione di cittadinanza. Quello che i dem propongono è il passaggio dall’attuale ius sanguinis – un bambino è italiano se almeno uno dei genitori lo è oppure se a 18 anni dimostra di aver vissuto initerrottamente e legalmente nel Paese – al tanto dibattuto ius soli temperato complementarmente allo ius culturae. La novità risiederebbe nel fatto che si potrà acquisire cittadinanza anche nel caso in cui nessuno dei genitori sia italiano ma si trovi legalmente in Italia da almeno 5 anni. Con la precisazione che qualora il genitore in possesso del permesso di soggiorno sia extracomunitario i requisiti per la cittadinanza richiedono che questi abbia un reddito superiore all’assegno sociale, sia proprietario di un alloggio e superi un test di lingua italiana. Lo ius culturae invece renderebbe cittadini italiani bambini e adolescenti che portano a compimento le scuole dell’obbligo del nostro Paese.


M5S in rotta

Voci eterogenee si alzano dal parlamento, quanto mai discordanti tra loro. I Pentastellati, che in passato si erano dimostrati favorevoli ad una riforma di questo tipo, si sono astenuti dalla prima votazione su decisione di Beppe Grillo. “Un pastrocchio invotabile” il commento del fondatore del Movimento alla proposta dem, quando internamente il M5S sembra più che mai fratturato. La senatrice Paola Nugnes ha infatti chiesto un’assemblea congiunta assieme ad altri parlamentari per meglio dirimere la questione: “Se ne è parlato anche troppo“, la liquidazione di Grillo che non ha concesso l’udienza. Luigi Di Maio, intervistato da Libero, ha timidamente rilanciato: “È mai possibile che prima di pensare al lavoro, il Pd pensi a far approvare lo ius soli?“.

Salvini: “Pd razzista”

La sinistra ha bisogno di nuovi elettori e nuovi schiavi, il Pd è l’unico partito razzista“: questo il commento del segretario della Lega Matteo Salvini sulla legge ius soli“. Un Salvini che si è anche espresso sulla virata conservatrice del M5S, ribadendo ai microfoni di Sky quanto segue: “Prendo atto che su alcuni temi, finalmente, il M5s arriva su posizioni di buon senso. Ovvero, arriva sulle posizioni della Lega. Che la legge sulla cittadinanza sia folle in questo momento, è evidente. Che bisogna chiudere i campi rom è evidente“. Posizioni che toccano monsignor Nunzio Galatino, segretario della Cei, il quale è intervenuto sul tema nell’iniziativa “La repubblica delle Idee” a Bologna. “Siamo preoccupati per come si sta affrontando questo problema“, fa sapere l’alto prelato, “persino con gazzarre ignobili in Aula. Sono temi molto importanti. Ci sta che qualcuno sia contrario. Ma vedo che c’è chi ha cambiato idea. E ora fa politica unicamente per rincorrere il proprio successo, perché vuol fare solo il proprio interesse“.

La posizione del Papa

Nella discussione ha voluto dire la sua Papa Francesco, che non a caso ha iniziato il suo viaggio per tutta l’Europa da Lampedusa. “Tanti campi di rifugiati sono di concentramento per la folla di gente che è lasciata lì“, accusa in modo cristallino e diretto. “I popoli generosi che accolgono i migranti devono portare avanti anche questo peso, perché gli accordi internazionali sembra che siano più importanti dei diritti umani. Pensiamo alla crudeltà che oggi si accanisce sopra tanta gente; lo sfruttamento della gente. La gente che arriva in barconi e poi resta lì, nei Paesi generosi come l’Italia e la Grecia che li accolgono, ma poi i trattati internazionali non lasciano. Se in Italia si accogliessero due migranti per municipio ci sarebbe posto per tutti. E questa generosità del sud, di Lampedusa, della Sicilia, di Lesbo, possa contagiare un po’ il nord. È vero: noi siamo una civiltà che non fa figli, ma anche chiudiamo la porta ai migranti. Questo si chiama suicidio”.

Aggiungi un commento