Meteo: arriva il caldo del deserto, Caronte flagella la Penisola

Il meteo non dà speranze: caldo del deserto shariano su tutta la Penisola, fino all'arrivo di violenti grandinate a Nord. Sud e Isole nella morsa del caldo

Questo fine settimana metterà a dura prova l’Italia. Secondo le ultime previsioni meteo, avremo un week end all’insegna di picchi di temperatura estremi. Caronte, infatti, porterà il caldo del deserto, fino a domenica 9, quando si scontrerà con le masse d’aria fredda dell’Atlantico nell’Italia Settentrionale.

Un week end di fuoco per la Penisola

Tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima vedremo la massima ondata di caldo dell’estate. Un clima desertico che viene direttamente dal Sahara, portato da Caronte. Il Sud Italia e le Isole saranno colpite da caldo torrido, secco, e da temperature intorno ai 40°. Il persistere delle temperature alte sarà accentuato dai venti e dalle brezze, soprattutto se provenienti dall’entroterra. I venti marini renderanno invece il caldo afoso, quindi umido. Emilia Romagna, Lazio, Basilicata, Puglia, Sardegna e Sicilia saranno protagoniste dell’allerta meteo.


Il Nord Italia tra caldo e “monsoni”

Caronte raggiungerà le Alpi, ma sarà poi indebolito dai venti freddi atlantici. Questo provocherà, dopo un intenso caldo umido, l’arrivo di violenti temporali. I rovesci partiranno dalla zona alpina e arriveranno fino alla Pianura Padana. Specialmente nel Veneto occidentale e a nord del Po si vedranno grandinate di eccezionale intensità. A rischio nubifragi la zona del Garda e tra vicentino e veronese. Unica regione “graziata” da Caronte e dal break temporalesco sarà la Liguria.

Le città a rischio

Specialmente a Sud dello Stivale le temperature saranno proibitive. Catania potrebbe arrivare a toccare i 45°, ma anche Palermo e Trapani non saranno risparmiate. In tutta la Sicilia si registrerà un aumento sensibile delle temperature di 2-3°, così come nell’entroterra di Lazio, Calabria e Sardegna. Proprio quest’ultima supererà i 40° a Oristano, Alghero, Sassari e Olbia, in particolare quando arriverà il Maestrale. Anche la Puglia non avrà scampo: i venti occidentali porteranno le temperature sopra i 45° nel foggiano, e saranno di poco inferiori nel resto del “tacco”. Una delle città più calde sarà Ferrara, e in generale l’Emilia Romagna sentirà molto i picchi di afa, un caldo molto umido che rende l’aria poco respirabile.

 

Aggiungi un commento