Figlio in arrivo per Alessandro Di Battista, e finalmente si scopre il sesso

Sarà un maschio il bimbo del deputato parlamentare del Movimento 5 Stelle e della compagna Sahra: a dirlo è stato proprio Di Battista

Cresce la pancia della fidanzata di Alessandro Di Battista, l’ormai nota Sahra. La compagna del deputato parlamentare pentastellato è infatti palesemente incinta da qualche mese, torna sui social di lui con una nuova foto che dimostra la crescita del pancione, e mostra anche un Di Battista assolutamente contento.

L’annuncio della gravidanza

Il primo sospetto sul fatto che Alessandro Di Battista stesse per diventare padre è arrivato con un’immagine su Instagram in cui il futuro papà abbracciava il pancione. In quel caso la foto non era chiarissima e sarebbe potuto rimanere ancora il dubbio, ma al tempo fu proprio il deputato a parlare della gravidanza durante un’intervista , dicendo di essere entusiasta del fatto di diventare padre. Sono davvero contentissimo e spero di essere all’altezza”aveva detto, aggiungendo: “Spero di poter insegnare a mio figlio, insieme alla mia compagna, i valori in cui credo”. Poco tempo fa, una foto su Instagram molto più esplicativa aveva chiarito la questione: l’immagine infatti ritraeva Sahra sdraiata sul prato, con il parlamentare teso ad “auscultare” il pancione e, sulla coperta su cui sono sdraiati,  c’è un libro dal titolo Diario del cattivo papà.








#loading

Un post condiviso da Alessandro Di Battista (@aledibattista) in data:





L’evoluzione del pancione

Ora, una novità: il pancione è sempre più grande, e Di Battista appare sempre più felice. Pare che l’erede sia un maschio, come rivelato dallo stesso Di Battista durante un’intervista con la giornalista Lilli Gruber. All’inizio della relazione era stato Di Battista a spiegare di voler tenere il loro rapporto riservato. In un post su Instagram spiegava infatti: “Da giorni diversi fotografi ci seguono ovunque (e seguono questa ragazza fino al pianerottolo di casa o nel suo posto di lavoro per scoprire il suo nome). Tanto vale dirgli che si chiama Sahra e che, in effetti, ci stiamo frequentando. Una cosa normalissima. Ora mi auguro che rispetteranno quantomeno la sua privacy. Buona serata a tutti”.

Aggiungi un commento