Charlie Gard, i genitori sperano ancora: specialista Usa fa visita al piccolo

Un luminare statunitense fa visita al piccolo Charlie Gard per valutare il suo quadro clinico. La sua analisi è fondamentale per il riesame dell'Alta Corte

Arriva direttamente dagli Stati Uniti una nuova speranza per Charlie Gard. Il bimbo è affetto da una rarissima patologia genetica e per questo i medici dell’ospedale Great Ormond di Londra sono decisi ad interrompere le cure nonostante il parere contrario dei genitori. Ma adesso il destino di Charlie potrebbe cambiare. Il luminare di neurologia presso la Columbia University di New York, Michio Hirano, ha fatto visita al bimbo per valutarne le condizioni anche rispetto ad una cura sperimentale alla quale Charlie potrebbe essere sottoposto negli Stati Uniti. L’esito della visita dello specialista potrebbe inoltre rivelarsi fondamentale in vista del riesame del caso presso l’Alta Corte.

Il luminare statunitense afferma di essere ottimista

Hirano d’altronde si è detto fiducioso, e nei giorni scorsi ha ipotizzato che per Charlie le possibilità di miglioramento potrebbero salire fino al 50%, se sottoposto con successo alla cura sperimentale su cui è al lavoro. L’ipotesi del luminare apre le porte ad uno scenario totalmente diverso a quello profilato dai medici del Great Ormond di Londra, che non hanno visto soluzione alle condizioni del bimbo. Così anche l’Alta Corte britannica e la Corte Europea dei Diritti Umani hanno disposto l’interruzione delle cure, contro il volere dei genitori del piccolo.

L’Alta Corte riesaminerà il caso del piccolo Charlie

Ma adesso l’Alta Corte britannica è pronta a rivedere la propria posizione. Il giudice monocratico Nicholas Frances dopo aver autorizzato i medici a staccare la spina, ascolterà ora il parere di Hirano e degli altri luminari intervenuti ad analizzare il quadro clinico di Charlie. Il riesame del caso potrebbe partire in aula già nei prossimi giorni, fino ad arrivare alla decisione attesa nelle prossime settimane. I genitori Connie Yates e Chris Gard intanto continuano a sperare, intenzionati a salvare la vita del loro bimbo.

Aggiungi un commento