Francesco Totti: "Adesso inizia la mia vita da dirigente"

Il 28 maggio Francesco Totti ha detto addio al calco giocato e ora nel suo futuro c'è la carriera da dirigente della Roma

Francesco Totti ha deciso. Finalmente a Roma Tv è arrivata la verità sul futuro dell’ex capitano giallorosso. “È finita la parte della mia vita da calciatore. Adesso ne inizia una più importante da dirigente, sperando di ripetere quello che ho fatto sul campo“.

Francesco Totti, un dirigente

Ho preso tempo per pensare e riflettere. Mi servirà per capire il ruolo che mi si addice. Sarà un futuro roseo con la Roma“, queste le parole di Totti a Roma TV. E ancora: “Cercherò di mettermi a disposizione a 360 gradi, dal settore giovanile fino al Presidente . Poi è normale che ci vorranno, sei mesi, un anno, due anni, non so quanto tempo ci vorrà per affermarmi nel ruolo che preferisco realmente“.

L’addio al calcio

Per una bandiera della Roma e idolo dei tifosi non solo giallorossi dire addio al calcio giocato non deve essere stato fatto facile. “Il calcio è la mia passione, è tutto: è divertimento, è amicizia, è fare gol, è conoscere persone nuove. È una cosa che tocca qualunque cosa importante nel mio corpo“, ha ammesso.


Il futuro del Capitano

Cosa c’è nel futuro del capitano? Totti non ha dubbi: “Il futuro? Lo immagino roseo, bello: sceglierò un ruolo perfetto, affinché io riesca a far diventare questa una grande squadra e una grande Società“. Poi spiega: “Non è facile iniziare a pensare al futuro a 40 anni. Io fino al 28 maggio ho pensato solamente al calcio, a divertirmi e a dare un forte contributo alla squadra. Ora cambio pagina, registro e penserò a questo nuovo lavoro che mi entusiasma e che mi porterà cose nuove e belle“.  Poi c’è anche tempo per un pensiero su Di Francesco: “Con lui ho un grandissimo rapporto. Lo vedevo anche quando non era l’allenatore della Roma. È una grande persona, un grandissimo uomo e sarà sicuramente uno dei valori aggiunti di questa squadra”.

Aggiungi un commento