Selvaggia Lucarelli contro Signorini per il "caso" Salvini Isoardi

Selvaggia Lucarelli si scaglia contro Alfonso Signorini per il caso Salvini-Isoardi. Ma le parole dell'opinionista non sono piaciute a il Giornale di Alessandro Sallusti

Proprio tutti stanno commentando il “caso” SalviniIsoardi e certamente non poteva farsela sfuggire Selvaggia Lucarelli. Secondo la Lucarelli, Signorini sarebbe al servizio di Silvio Berlusconi per eliminare gli avversari politici. Anche le parole di Selvaggia non sono però passate inosservate e si ipotizza che l’astio contro Signorini abbia ben altre radici…

Selvaggia contro Signorini

Matteo Salvini aveva sottovalutato Silvio […]. Soprattutto, aveva sottovalutato il braccio armato di Silvio, l’uomo che quando la famiglia Berlusconi chiama, è sempre pronto a eseguire: Alfonso Signorini“, scrive così Selvaggia Lucarelli dopo il naufragare della storia tra Elisa Isoardi e Matteo Salvini e quel bacio galeotto pubblicato da Chi. Secondo lei, Alfonso Signorini sarebbe “al servizio” dei Berlusconi.

Poi Selvaggia continua: “L’uomo a cui basta una copertina di “Chi” per risolvere qualsiasi problema, faida e imbarazzo nella famiglia Berlusconi. Serve una foto in cui Marina sembri figa? Ci pensa Chi. Serve una foto in cui Veronica Lario sembri un tursiope arenato? Ci pensa Chi. Serve una foto in cui Silvio e la Pascale sembrino amorevoli e affiatati pure se lei lo ha appena finito di prenderlo a morsi con la dentiera di lui? Ci pensa Chi. Serve una foto grazie alla quale un leader suo avversario politico faccia la figura del leader sì, ma dei cornuti? Ci pensa, appunto, Chi“. Le accuse sono pesanti e mentre Selvaggia Lucarelli elenca ogni “servizio” fatto per i Berlusconi anche il suo articolo non passa inosservato.



Selvaggia alle strette

Il Giornale di Alessandro Sallusti però ricorda che la rabbia della Lucarelli contro Signorini potrebbe avere anche un’origine un po’ diversa: secondo il quotidiano lo scontro con Alfonso Signorini nasce dal momento in cui l’opinionista de Il Fatto avrebbe cercato di vendere foto a Chi ricevendo però in cambio un rifiuto.

La sentenza oggi

Il processo alla Lucarelli si è concluso oggi. La Procura aveva chiesto per lei un anno di carcere per l’accusa di accesso abusivo a sistemi informatici. Per l’accusa la Lucarelli avrebbe, insieme al suo amico Gianluca Neri, hackerato le caselle di posta di alcuni vip. Alla fine proprio oggi il Tribunale di Milano ha assolto Gianluca Neri, Selvaggia Lucarelli e Guia Soncini.

Aggiungi un commento