Meteo, quando finisce il caldo torrido?

L’intensa ondata di caldo portata da Lucifero ha fatto raggiungere temperature superiori ai 40 gradi

Lucifero è arrivato e il caldo si è, senza dubbio, fatto sentire da Nord a Sud. Da qualche giorno, infatti, la massa di torrida aria calda, proveniente dal Sahara, ha portato in tutta Italia un’estrema calura. Per questo motivo, in molte regioni, il meteo è stato così eclatante da portare temperature superiori ai 40 gradi.

Il caldo persisterà per tutto agosto

Comunque, le nuove previsioni metereologiche hanno reso noto il fatto che questo meteo così eccezionale avrà una durata massima di circa 10 giorni. Infatti, nel Nord Italia, attorno al 6-7 agosto, le temperature dovrebbero scendere per tornare alla normalità, già dopo Ferragosto. Nel Sud, invece, il caldo torrido avrà una durata maggiore. Tuttavia, non si parlerà di valori da record né tantomeno verranno superati quelli evidenziati nel corso dell’estate del 2003, che ancora detiene il titolo di “estate più calda”.


Nonostante queste stabilizzazioni metereologiche portate dalle correnti oceaniche, la calura continuerà a persistere per tutto il mese di agosto, seppur in modo più sopportabile. Si spera, inoltre, che a settembre le temperature riescano a tornare alla normalità.

Come combattere la calura estiva

Nel frattempo, gli esperti hanno suggerito differenti metodi per poter combattere il caldo estivo.

Innanzitutto, si consiglia di circa 10 bicchieri di acqua al giorno, che corrispondono a quasi 3 litri, in modo da mantenere l’organismo sempre ben idratato. Proprio per questo motivo, si da il via libera ad alimenti leggeri e ricchi acqua, quali sorbetti, gelati, verdura e frutta. Sarebbe meglio anche ridurre le quantità di cibo giornaliere, ma di aumentare il numero dei pasti, proprio per favori la digestione ed evitare il senso di pesantezza.

Anche l’abbigliamento può influire sulla percezione del caldo estivo. Pertanto, è consigliabile indossare vestiti comodi e di cotone, anziché materiali sintetici o eccessivamente stretti, che potrebbe portare conseguenze indesiderate sulla circolazione sanguigna.

Per quanto riguarda le temperature all’interno delle abitazioni, invece, è preferibile impostare le temperature non troppo basse del condizionatore, perché altrimenti si rischierebbe di sentire ancora più caldo, una volta fuori casa. Un buon metodo per risparmiare sulle bollette sarebbe, in aggiunta, quello di spegnere tutti gli elettrodomestici: ciò porta, inoltre, a non riscaldare la temperatura dell’ambiente.

Aggiungi un commento