Federica Pellegrini: “Sono una donna che non ha mai mollato”

Federica Pellegrini racconta della vittoria a Budapest, delle emozioni vissute, dei progetti futuri e del ritiro di Magnini

Federica Pellegrini, reduce della vittoria ai Mondiali, racconta dei suoi futuri progetti e dei momenti indimenticabili vissuti dopo la vittoria.

Pellegrini: le emozioni post vittoria

Intervistata dal Corriere della Sera, Federica Pellegrini racconta le emozioni vissute dopo la vittoria ai Mondiali. “Sono sulle nuvole e per una volta la parola favola non è retorica. Puntavo solo alla settima medaglia mondiale, invece è arrivato l’oro. Di più non si poteva proprio”. Queste le parole della nuotatrice, ancora incredula dell’oro ricevuto a Budapest. Emozionata, racconta dell’abbraccio dei suoi genitori e del fratello, tutti lì per sostenerla fino alla fine. Ora c’è un aereo per Mosca ad attenderla, dove potrà finalmente rilassarsi dopo la meritata vittoria.


Il dolce e sentito abbraccio con Magnini

Durante l’intervista non mancano di certo le domande su Filippo Magnini e del tanto chiacchierato abbraccio succeduto alla vittoria. “Siamo entrati in nazionale nel 2003 assieme, abbiamo condiviso lavoro, gioie e delusioni. Quella di Rio era stata la più tosta e lui l’aveva sofferta quasi come me, sapeva bene cosa significava. In quell’abbraccio c’era tutto questo”. Anche se Federica è molto decisa a mantenere privato il loro rapporto, non riesce a non commuoversi parlando del ritiro di Magnini. “Quando me lo ha detto l’altra sera mi sono messa a piangere, ha dato tanto e ora sta facendo fatica”. Ma alla fine è giusto così anche se, sicuramente, mancherà la sua presenza in vasca.

Nuovi progetti all’orizzonte

In merito alla decisione di lasciare i 200 stile, Federica non ha dubbi. “Ognuno alla fine fa quello che gli pare, che dite? E poi io amo ancora il nuoto voglio solo ridurre lo stress. Ricominciare senza i 200 sarà strano, ma dopo il quarto posto a Rio e questa vittoria che chiude il cerchio non voglio più dover rincorrere niente. Ma non tutti sono concordi alla scelta, soprattutto il dirigente Malagò, che non mollerà molto facilmente la presa. Ma Federica sembra proprio aver deciso. “Adesso si apre un’altra vita. Voglio fare i 100 e diventare velocista: mi tolgo lo sfizio per il finale di carriera. Con l’età che avanza, diminuirò i carichi di lavoro e aumenterò il divertimento”.

Aggiungi un commento