Maretta in casa Windsor, Elisabetta isolata da tutti

Ritiro a vita privata del 96enne Filippo, e un nutrito disinteresse da parte del figlio Carlo e i nipoti William ed Harry, la Regina si trova in un totale stato di abbandono

Nell’autunno del suo regno Elisabetta si ritrova completamente isolata. A parte la “maretta” in casa Windsor, anche due membri del suo staff a stretto giro gettano la spugna. Non un bel momento quello che sta vivendo la Royal Family, tra fratture interne, generate da vecchie incomprensioni e divenute più profonde con il passare del tempo.

Ma la Regina sta diventando anziana, così come il marito Filippo. Prima o poi, figli e nipoti dovranno riconoscere il loro ruolo all’interno degli affari reali. Tutto rimandato a settembre. Nel frattempo, mentre Elisabetta si cruccia, tutti gli altri si godono le vacanze, e le emittenti inglesi si preparano a trasmettere il documentario su Diana.

Le dimissioni di Sir Christopher Geidt

Sir Christopher Geidt ha ricoperto per 10 anni il ruolo di segretario privato della Regina Elisabetta. Adesso, però, ha provveduto a rassegare le sue dimissioni. Con lui, secondo quanto dichiarato dal Daily Mail, anche Samantha Cohen, sua assistente starebbe per abbandonare la barca. Si tratta di due, dei tre, più importanti collaboratori della monarca. In questo modo ad Elisabetta verrebbe meno un supporto fondamentale nelle faccende di palazzo.


Nell’ufficializzare l’abbandono del suo ruolo Geidt, ha indirizzato un comunicato stampa a Clarence House, residenza di Carlo, inoltrandolo contemporaneamente a Kensington Palace, residenza di William, Kate e Harry. Insieme all’annuncio delle sue dimissioni, Sir Christopher ha invitato il figlio e i nipoti di Elisabetta da una maggiore partecipazione nella coordinazione delle comunicazioni di palazzo, negli offici burocratici, nella gestione degli impegni regali.

Rimandare i conti a settembre

Né da Clarence House, né tanto meno da Kensington Palace, sembrano essere arrivate risposte repentine all’appello di Geidt. Mentre Camilla e Carlo si godono una vacanza sullo yacht di un amico miliardario, prima di partire per Birkhall nelle Higlands, Kate e William si apprestano a portare i bambini al mare.

Ed Harry? Stando ai pettegolezzi è pronto a partire per l’Africa. Il principino avrebbe regalato alla sua fidanzata Megan Markle un viaggio nel continente nero per il suo 36° compleanno. Questo quanto si legge sul Sun. Ad Elisabetta, quindi, non resta che rimandare un piano d’azione efficace a settembre, e godersi gli ultimi sprazzi d’estate. E così anche lei si appresta a partire per il castello di Balmoral, in Scozia, dove la raggiungerà il marito Filippo. Filippo, che dopo 70 anni di ufficio, si prepara ad affrontare il suo ultimo impegno pubblico, dopodiché largo ai giovani, che nell’ultimo anno hanno un po’ disertato. È per questo che Elisabetta ha richiesto che i giovani Windsor si trasferissero a Londra in autunno.

Le fratture interne a casa Windsor

Prima o poi i giovani dovranno mostrare un coinvolgimento più attivo nelle attività di palazzo, mettendo da parte screzi ed incomprensioni. Tuttavia, con l’imminente uscita del documentario dedicato a Diana, per la ricorrenza del 20° anniversario della sua morte, non ha fatto altro che rendere queste fratture interne ancora più evidenti.

Carlo, a quanto pare, ha messo il broncio con i figli poiché totalmente ignorato nei loro ricordi all’interno del documentario. Harry e William, per contro, non sembrano provare troppi rimorsi a riguardo, dal momento che non hanno mai accettato l’unione tra Carlo con Camilla. Come Elisabetta d’altronde. Ma anche la Regina, come informa Sir Geidt, non ha apprezzato la partecipazione dei ragazzi al documentario. “Un’esposizione eccessiva, che ha messo a rischio la loro privacy e che non era necessaria“. Ma la Corona trema, anche per i video di Peter Settlen, registrati durante le sue sedute con Diana. In quelle sedute la principessa triste parlava a ruota libera di tutti retroscena di palazzo. Per quanta acqua possa passare sotto i ponti, Lady D. rimarrà per sempre un capitolo aperto, fonte di divisioni interne e scandali pronti a risalire a galla.

Aggiungi un commento