Morta la 74enne aggredita con un cacciavite

Vittima di un'aggressione brutale Adriana Dursi, era ricoverata dallo scorso martedì in un ospedale tarantino

TARANTO- Le condizioni di Maria Domenica Dursi, 74 anni, erano davvero disperate. La brutale aggressione con cacciavite di cui è stata vittima all’interno del pronto soccorso della Santissima Annunziata, lo scorso 8 agosto le aveva provocato danni gravissimi. Sin da martedì, giorno in cui è stata ricoverata, la donna era stata dichiarata cerebralmente morta.

L’aggressore diventa assassino

Da folle aggressore, il 42enne fermato per il reato di tentato omicidio, si è trasformato in assassino. Per le prime 24 ore dal macabro assalto, avvenuto nella sala d’aspetto di un pronto soccorso, l’uomo è stato irrintracciabile. Poi le telecamere di sorveglianza lo hanno incastrato, rivelando la dinamica dell’aggressione. Le agghiaccianti immagini di quella follia hanno fatto il giro dei giornali sul web. Il fatto che la donna sia deceduta, dopo 4 giorni di coma, fa del 42enne un assassino a sangue freddo.


Il nome del killer è Giovanni Maggio, fermato mercoledì, e costretto ad un lungo interrogatorio. Maggio, definito personalità pericolosa è sottoposto ad una convalida di arresto, da parte del gip Wilma Gilli. La difesa ha comunicato che sarà fatta richiesta per una perizia psichiatrica-

Un gesto di follia

Resta un mistero il movente del gesto folle. In una breve ricostruzione, è stato dichiarato che la vittima, Maria Domenica Dursi, quella mattina dell’8 agosto fosse giunta al pronto soccorso della Santissima Annunziata, accompagnata da un parente, intorno alle 5 del mattino. Intorno alle 8, il suo accompagnatore si è allontanato per un istante, lasciando l’anziana da sola. A suo ritorno ha notato che dalla testa della donna fuoriusciva copiosamente del sangue. 

Poi la rivelazione del video. Le immagini mostrano l’uomo che aggredisce la vecchia signora con un corpo contundente alla testa. Si tratta di un cacciavite, usato per sfondarle il cranio. Sin dall’inizio, i medici ne hanno decretato la morte cerebrale. Solo oggi la notizia del decesso.

Aggiungi un commento