Tragedia nel mare tra Ischia e Procida: morti un sub ed una 15enne

Ancora vittime delle forti mareggiate. A perdere la vita sono stati questa volta un sub esperto ed una ragazzina di 15 anni. Il dramma nelle acque tra Ischia e Procida

Continua a mietere vittime il mare agitato degli ultimi giorni. Stavolta a macchiarsi di sangue è il mare tra Ischia e Procida, in Campania, all’altezza del tratto noto come Secca delle Formiche. L’allarme è partito quando due sub, impegnati in un’immersione, sono scomparsi nel nulla facendo del tutto perdere le loro tracce. Subito sono così scattate le ricerche che hanno tuttavia condotto al più tragico degli epiloghi. I soccorritori sono infatti riusciti a recuperare il corpo senza vita di uno dei due sub, un uomo di 42 anni che pare essere un esperto sommozzatore.

Continuano le ricerche per recuperare il corpo di una 15enne

Proseguono invece le ricerche nei confronti di una ragazzina di appena 15 anni. Anche in questo caso le ricerche avrebbero consentito di rintracciarne il cadavere, individuato all’interno di una grotta a ben 12 metri di profondità. I soccorritori sono tuttavia ancora al lavoro nel tentativo di recuperare il corpo della giovanissima. Sul posto sono infatti subito accorsi gli uomini del nucleo sommozzatori dei Vigili del Fuoco e una squadra del Circomare di Ischia, diretta dal tenente di vascello Alessio De Angelis. In aggiunta ci sono poi gli operatori di alcuni centri subacquei.

Attenzione sempre alle condizioni del mare

Soltanto lo scorso venerdì nelle acque di Citara ha perso la vita la giovane Alessia Piatti, che non è riuscita a resistere alla forte corrente. Si tratta di incidenti causati dalle avverse condizioni meteomarine, che provocano forti mareggiate soprattutto in prossimità delle isole. Una situazione in cui anche sub con esperienza possono trovarsi in grande difficoltà, come spiegato dagli esperti: “Dopo mareggiate del genere – fanno sapere a proposito di quanto accaduto – l’acqua tende a intorpidirsi, dando meno punti di riferimento ai sub, soprattutto a quelli meno esperti“. La raccomandazione è dunque quella di prestare sempre molta attenzione alle condizioni del mare prima di immergersi, restando comunque sempre in prossimità della riva.

Aggiungi un commento