Costantino Della Gherardesca: “Impotenza e droghe. Ho reso insoddisfatti i miei amanti”

Costantino Della Gherardesca, presentatore oramai “istituzionale” di Pechino Express, a poche settimane dall'inizio dello show on the road si è confessato come non mai in un'intervista senza peli sulla lingua

Costantino Della Gherardesca non ha mai avuto peli sulla lingua, nemmeno quando si tratta di rilasciare un’intervista al Corriere della Sera. Il conduttore non si è lasciato intimorire ed ha parlato di tutto, abbattendo ogni tabù.

Costantino Della Gherardesca: una gioventù all’insegna della droga

Costantino ha raccontato il difficile rapporto con la famiglia. Forse proprio a causa della ricchezza e del nome nobiliare, è stato sballottato da un collegio all’altro finendo con lo scoprire, anche piuttosto precocemente, il mondo della droga: “La ricerca del consenso rende le persone pessime. Il mio imperativo è non essere codardo, dire quello che penso. Anche se significa affermare che in politica salvo solo Mario Monti e condanno i 5 Stelle. Forse sono così perché non ho avuto una figura di padre forte: il mio l’ho conosciuto a 5 anni e l’ho perso a 18. Sono cresciuto nei collegi, sono nato ricco e ho provato tutte le droghe: mi sono dovuto dare il coraggio di salvarmi da solo”. Una vicenda che potrebbe ricordare la trama di molti film in cui giovani rampolli finiscono con il rovinarsi la vita per avere un po’ di sballo. Ma Costantino, non si è mai arreso, ed ha lottato, in primis contro sé stesso e l’immagine che altri avevano di lui.

Non sono monogamo ed ho sofferto d’impotenza”

Nella confessione rilasciata al Corriere della Sera, Costantino parla anche delle sue relazioni e dei problemi inerenti ad una disfunzione ormonale che gli ha causato un’impotenza: “Non sono romantico e neanche monogamo. Negli ultimi tre anni, ho avuto solo amanti che ho reso insoddisfatti. Ho un calo del testosterone precoce dovuto a antidepressivi e psicofarmaci presi per combattere l’agorafobia. E hanno influito la grassezza e la mancanza di esercizio fisico. Parlare d’impotenza? Io non ho tabù. Ho preso testosterone in gel. Ero tornato playboy, però mi sono venuti i brufoli, le apnee notturne e i mal di testa e ho smesso”. Costantino parla anche dell’omosessualità e dei colleghi in tv: “Salvo le nuove unioni omosessuali, ma non i miei colleghi gay che sognano il matrimonio nella chiesetta dimenticando che è in quella chiesetta che è nata l’omofobia“. Parlare di questi tabù non solo ha aiutato il presentatore ed ex concorrente di Pechino Express, ma serva anche a dimostrare che, questi demoni impronunciabili, diventano meno forti quando vengono trattati con sincerità e normalità. Non ci resta che attendere di vedere il suo dimagrimento nella nuova edizione del programma Rai che, quest’anno, si svolgerà in Giappone.

Aggiungi un commento