Firenze, due studentesse Usa denunciano due carabinieri: "Ci hanno stuprate"

La denuncia shock presentata in questura a Firenze da due studentesse statunitensi. Le giovani hanno riferito di essere state stuprate da due carabinieri

Hanno affermato di essere state violentate da due carabinieri durante l’orario di servizio. Si tratta della denuncia shock presentata in questura a Firenze da due studentesse statunitensi giovedì mattina. Stando al racconto delle due giovanissime, entrambe poco più che ventenni, la vicenda sarebbe accaduta nel corso delle notte di mercoledì, nei pressi di via Tornabuoni. Le studentesse hanno riferito agli agenti di polizia di aver incontrato i due carabinieri all’esterno di un locale, mentre gli stessi erano ancora in orario di turno. I militari le avrebbero avvicinate per poi offrire loro un passaggio fino a casa con l’auto di servizio.

I carabinieri avrebbero stuprato le due nel loro appartamento

Ma è proprio all’interno del loro appartamento che per le studentesse sarebbe iniziato l’incubo. Le due hanno infatti raccontato di essere state stuprate dai carabinieri non appena giunte a casa. Le giovani condividono un appartamento nel centro storico del capoluogo toscano, preso in affitto nel corso di un soggiorno studio organizzato da una nota università statunitense con sede proprio a Firenze. La polizia, dopo aver raccolto la denuncia delle due, ha dato il via alle indagini. In coordinamento con la Procura di Firenze infatti, gli agenti stanno vagliando tutte le ipotesi allo scopo di fare chiarezza sulla vicenda.

A conoscenza anche il Consolato Usa

Così, sotto la lente è la versione resa in questura dalla due studentesse: la polizia è intenzionata a non trascurare nulla, cercando e verificando tutti i riscontri del caso. Anche il Consolato a stelle e strisce a Firenze ha fatto sapere di essere a conoscenza dell’accaduto, ma al momento la scelta è di non rilasciare dichiarazioni. La sede diplomatica fa sapere infatti di star “seguendo la vicenda ma non commenta ai sensi del privacy act“. Soltanto più approfondite indagini potranno meglio chiarire quanto accaduto alle due studentesse.

Aggiungi un commento