Viaggiare nel tempo? Sì, è possibile (forse)

Muoversi nel passato o andare nel futuro? sembrano sogni irraggiungibili, ma la fisica teorica degli ultimi anni potrebbe riservare alcune sorprese

La DeLorean non esiste se non nel mondo cinematografico, nessuno ha mai viaggiato con la cabina telefonica del dottor Who, ma viaggiare del tempo è un sogno che l’essere umano continua a inseguire. Ma viaggiare nel tempo (nel passato o nel futuro) è possibile? Secondo alcuni esperti, lo è.

Tempo e spazio, coppia indissolubile

Il tempo e lo spazio non lavorano mi modo distinto: laddove si modifica uno, muta l’altro. È impossibile, dunque, andare avanti nel tempo senza che lo spazio cambi: l’universo, come ormai è noto in fisica teorica, è in espansione, ed il tempo si modifica di conseguenza. Viaggiare nel futuro, però, potrebbe essere possibile: se un corpo raggiungesse una velocità vicina a quella della luce, potrebbe viaggiare avanti nel tempo, vedere il futuro, e poi tornare al punto di partenza (ritrovandosi nel “presente”).

Cosa serve per un viaggio del genere? semplice, un wormhole, anche detto tunnel spazio-temporale. Il funzionamento è semplice: lo spazio si muove con il tempo nel modo un cui un verme striscia sulla superficie di una mela (il “tempo”, per l’appunto). Se però il “verme” buca la mela, e passa attraverso la polpa, impiegherà molto, molto meno tempo ad attraversare la mela di quanto ne avrebbe impiegato a percorrere la sua circonferenza. Allo stesso modo, un tunnel spazio temporale ci potrebbe far muovere all’interno dello spazio-tempo.

Il wormhole, di per sé, dovrebbe essere un oggetto spaziale artificiale, quindi dovremmo…costruircelo da soli. Ne ha parlato negli ultimi tempi il fisico lettone Manuel Hohmann, che sostiene che per crearne uno occorre l’utilizzo di energia multimetrica. Che, purtroppo, non è mai stata vista da nessuno, né si è certi della sua esistenza. Semplice, no?

Nel passato? Molto difficile

Se per il viaggio nel futuro abbiamo speranze, per quanto riguarda il viaggio nel passato, per ora, è meglio gettare la spugna. Il tempo, infatti, ricorda un altro sistema/concetto molto importante nel nostro universo, l’entropia. Secondo le leggi entropiche, un sistema in ordine tende a diventare in disordine e non procede nel senso inverso. Come a dire: il dentifricio esce dal tubetto, ma non potrà mai rientrarvici. Allo stesso tempo, il tempo (mi si perdoni il gioco di parole) procede in avanti come una freccia scagliata nel vento, e non sembra procedere in direzione contraria. Per ora, dunque, pensare di poter rincontrare i Maya (o il vecchio gatto che non vediamo dalla nostra infanzia ) per ora rimarrà un sogno nel cassetto.

Aggiungi un commento