Stipendio d'oro per l'ex guardarobiera di Fabio Fazio

La notizia bomba riguarda direttamente la Rai e, in particolare, l'ex guardarobiera di Fabio Fazio che potrebbe guadagnare addirittura 300 mila euro

La notizia bomba riguarda direttamente la Rai e, in particolare, l’ex guardarobiera di Fabio Fazio che potrebbe guadagnare addirittura 300mila euro. La notizia bomba è scoppiata grazie all’esclusiva del giornale Libero e Dagospia. Uno dei punti cardine della Rai, Fabio Fazio, dopo aver incassato la bellezza di 2,8 milioni di euro, e dopo il suo nuovo stipendio, sembra aver convinto i piani alti della redazione a stipulare un oneroso contratto per la sua ex guardarobiera. Secondo indiscrezioni il nome dell’autrice ed ex guardarobiera del programma televisivo di “Che tempo che fa“, avrebbe firmato un contratto di stipendio di 300mila euro.

La nuova autrice di “Che tempo che fa” potrebbe essere Veronica Oliva, nuovo flirt di Fazio

Il nome della ex guardarobiera e forse nuova autrice del programma televisivo che era in onda su Rai 3 sarebbe Veronica Oliva, che sarebbe anche nota per le uscite serali e flirt di Fazio. È forse anche grazie al conduttore che avrebbe firmato un contratto faraonico per sbarcare su Rai 1. Se fosse così sarebbe la prima volta che lo stipendio di un’autrice di un programma guadagnerebbe addirittura di più del direttore generale. Mario Orfeo, attuale DG ha un compenso annuo di 240 mila euro, in linea con il nuovo regolamento sul tetto massimo del compenso dei dirigenti (precisamente non superiore ai 240 mila euro).

Se fosse tutto confermato, dalla notizia potrebbe scaturire un vespaio di polemiche. Dopo il nuovo regolamento e l’abbassamento del canone Rai, un nuovo stipendio così elevato per un’autrice di un programma sarebbe di cattivo esempio.

L’intervento dell’ANAC, la richiesta della documentazione

L’Autorità Nazionale Anti Corruzione ha deciso di intervenire. Raffaele Cantone ha richiesto la documentazione sul contratto di Fabio Fazio con una lettera inviata al direttore della Rai Mario Orfeo. La richiesta dell’autorità riguarda tutta la documentazione per verificare e controllare le variazioni rispetto al contratto precedente di Fazio, il ritorno economico per l’azienda e i contratti stipulati da Officina (azienda di Fazio e della Magnolia).

Una notizia che, se fosse confermata, porebbe scombussolare l’inizio della nuova trasmissione su Rai 1, prossimamente in onda il 24 settembre.

Aggiungi un commento