A Baby George viene "assegnato" un cognome per andare a scuola

Forse non tutti sanno che i reali inglesi non hanno un vero e proprio cognome. Tuttavia al primogenito di Kate e William ne serve uno ora che si appresta a cominciare il suo percorso scolastico

Non è facile essere un bambino di 4 anni se nasci tra i corridoi solenni di Buckingham Palace. Lo sa Baby George, che man mano che diventa grande, realizzerà sempre di più di non essere un bimbo come tutti gli altri. 

Ora che ha cominciato la scuola, già si presentano le prime notevoli differenze, sin dall’iscrizione. Come tutti i reali inglesi, infatti, Georgy non ha un vero e proprio cognome.

Cambridge: il cognome scelto per George

Ha tre bei nomi George (come il suo bisnonno) – Alexander – Louise, così come la sua sorellina Charlotte – Elizabeth – Diana, ma nessun cognome. Eppure nelle registrazioni ufficiali ne serve uno. Ed ecco che mamma e papà gli hanno trovato qualcosa.

A riportarlo è Elliot Wagland, che gestisce la sezione fotografia London Evening Standard. Poco dopo che cominciarono a circolare gli scatti del primo giorno di scuola di George, sul profilo twitter di Wagland comparve un post che mostrava uno zoom sullo zainetto del piccolo. Sull’etichetta si legge: “George Cambridge“. Sarebbe questo dunque il cognome scelto, come un accessorio, per Baby George.

george

I reali inglesi senza cognome

Tutto nella norma, in realtà per i reali inglesi il cognome è un optional. Molti, negli anni ’90, erano soliti affiancare al nome di Carlo la locuzione “d’Inghilterra”. La verità è che per la fama e la storicità della casata dei reali inglesi, i suoi membri non ne hanno affatto bisogno: basta dire “Principe Carlo” o “Regina Elisabetta” per sapere di chi si sta parlando.

Molti altri identificano il cognome come “Windsor”, ed è giusto, da un lato, essendo questo il nome identificativo della casata. In realtà anche questo nome è stato letteralmente scelto, come un indumento, da re Giorgio V nel corso della Seconda Guerra Mondiale, quando il nome Giorgio di Sassonia Coburgo Gotha appariva troppo “tedesco”. Ed ecco che fu scelto Windsor, che suonava assai più british, facendo riferimento ad alcuni territori di loro proprietà. 

La difficile vita sociale di un piccolo principe

In effetti, negli anni, è rimasta l’usanza di identificare un reale accostando al nome di battesimo una denominazione territoriale. Ad esempio, Carlo è Principe del Galles. E i figli William ed Harry, lo scelsero come cognome per il servizio militare. Ora che William è Duca di Cambridge, il figlio a scuola diventa George Cambridge.

La vita, soprattutto dal punto di vista sociale, non appare molto pratica, per un giovane reale. “Il cognome occasionale” non è che la punta dell’iceberg. Se si pensa che il piccolo George non può nemmeno avere degli amici del cuore, per non ferire in futuro la sensibilità degli altri bambini, ecco che le cose appaiono ancora più complicate.

Aggiungi un commento