Livorno, il marito di una vittima: "Potevo salvarla"

L'alluvione che ha colpito e messo in ginocchio la città di Livorno ha fatto 7 vittime, mentre una persona risulta ancora dispersa

È stato ritrovato ieri il corpo di Martina Bechini, 34 anni. Era una delle persone disperse dopo l’alluvione che ha colpito Livorno. Martina era con il marito quando la piena del fiume li ha sorpresi: lui è riuscito a salvarsi aggrappandosi ad alcuni tronchi d’albero, lei invece è stata trasportata via dalla piena del fiume. Il bilancio quindi è di 7 vittime, tra cui una famiglia intera, e un disperso, Gianfranco Tampucci, di 67 anni.

Prima il matrimonio poi la tragedia

Martina Bechini è la settima vittima di Livorno e il marito, ricoverato in ospedale, ancora non può credere di aver perso la donna che aveva sposato solo a luglio. I due erano appena tornati dalla luna di miele quando sono stati sorpresi dal maltempo di Livorno. Prima ancora che il corpo della giovane venisse ritrovato, un’amica raccontava: “Era felice, bellissima, continuava a fare progetti e a raccontare che Filippo le dava una forza e una sicurezza che non aveva mai conosciuto prima“, scrive il Corriere della Sera.

La disperazione di Filippo

Filippo Meschini, 30 anni, è stato fortunato. È riuscito a salvarsi dalla piena del fiume, ma non è riuscito a fare niente per Martina. Ha saputo del ritrovamento del corpo dalla famiglia, ma da quel momento non si dà pace. “Eravamo saliti sul tetto di casa, mentre l’acqua saliva, sempre di più. Poi abbiamo cominciato a cadere. Ho cercato di non perderla, ma scivolava dalle mie mani. Siamo caduti in acqua era buio e non l’ho più vista“. Giusy, la madre di Filippo Meschini, racconta il Corriere, non si dà pace insieme al figlio per la morte di Martina: “Mio figlio si è salvato e ancora mi chiedo come è stato possibile. Ringrazio il cielo, ma il dolore per Martina è insopportabile“.

Martina non è la sola vittima di questa alluvione: un’intera famiglia è morta, distrutta dal fango e dall’acqua nonostante l’eroismo dei vicini di casa e del nonno. Solo la piccola nipotina è scampata alla furia dell’acqua e del fango.

Aggiungi un commento