Giardiniere della Casa Bianca per un giorno: Trump esaudisce il sogno di un 11enne

Il piccolo Frank ha coronato il suo sogno di falciare il prato della Casa Bianca: merito di una lettera che ha fatto breccia nel cuore di Trump, che gli ha concesso di passare una giornata che difficilmente dimenticherà

Il piccolo Frank Giaccio, 11 anni, ha coronato il suo sogno più grande. Inviando una lettera direttamente alla Casa Bianca ha fatto una richiesta alquanto particolare al presidente USA, chiedendo se potesse potare il prato del numero civico più famoso d’America: Donald Trump non ha saputo resistere e ha acconsentito a farsi dare un’aggiustatina al prato da un giardiniere d’eccezione.

Voglio tagliare il prato della Casa Bianca

Ha dell’inaspettato la notizia giunta dagli Stati Uniti che riguarda il presidente americano Donald Trump. Frank Giaccio, bambino di 11 anni ha infatti inviato una lettera alla Casa Bianca per poter tagliare il prato offrendosi spontaneamente come giardiniere volontario.  La portavoce del presidente, Sarah Huckabee Sanders insieme alla sua assistente Natalie Storm, in un briefing con la stampa avevano addirittura mostrato ai giornalisti la lettera che citava: “Falciare il prato della White House per me sarebbe un onore“.


Ed è stato lo stesso Trump, infine, a rispondere e accontentare il giovane invitandolo alla dimora presidenziale per tagliare l’erba di uno dei giardini più famosi al mondo. Molto positivo il riscontro dell’opinione pubblica per l’insolito e tenero evento

Giardiniere per un giorno alla Casa Bianca

Il ragazzino si è presentato in maglietta rossa, pantaloncini cachi, occhiali di sicurezza e tappi alle orecchie davanti al presidente Trump per mettersi subito all’opera. Ha lavorato tutto il giorno per rendere perfetto il Giardino delle Rose. E il presidente si è presentato davanti a lui salutandolo e commentando davanti alle telecamere:”È il futuro del nostro paese“.

E quando il magnate ha chiesto al ragazzino cosa volesse fare da grande, Frank ha risposto di voler fare parte delle forze speciali della Marina Militare americana. “Ce la farai“, gli ha detto Trump accompagnandolo, alla fine della giornata di lavoro, nella Stanza Ovale per una foto ricordo di un evento che rimarrà per sempre nel cuore del piccolo Frank.

Aggiungi un commento