Meteo, arriva una forte perturbazione: sull'Italia freddo e rovesci

La perturbazione si estenderà in tutto il nostro Paese, portando piogge e temporali. Emanata l'allerta dalla Protezione Civile per rischio di nubifragi

Si prospetta un fine settimana all’insegna del freddo e del maltempo nel nostro Paese. Sembra infatti prevista in Italia una forte perturbazione, con l’irruzione di aria fredda proveniente dalla Scandinavia, che porterà forti piogge e venti freddi.

Le previsioni per le prossime ore

Nel pomeriggio di oggi, venerdì 6 ottobre, la Bora proveniente dalla Scandinavia farà il suo ingresso in Italia, portando freddo e piogge. Le regioni maggiormente esposte a questa perturbazione proveniente dall’Europa settentrionale saranno il Veneto centro orientale e meridionale, le zone del Bresciano e Mantovano e le regioni adriatiche. Da queste zone, il maltempo si propagherà poi verso il sud del Paese, con temporali e forti piogge.


Le previsioni per la giornata di sabato

Nella giornata di sabato, al nord tornerà a splendere il sole, ma la giornata sarà caratterizzata da forti venti. Le ultime precipitazioni della giornata si soffermeranno nelle zone del Salento, Calabria e Sicilia tirreniche. Il tempo migliorerà nel corso del pomeriggio. Per quanto riguarda le temperature, ci sarà un netto calo dei valori, ben al di sotto della media stagionale. Caleranno soprattutto i valori notturni, raggiungendo valori anche al di sotto dei 10 gradi al nord. Durante il giorno invece, le temperature diminuiranno di 4-5 gradi su gran parte delle regioni. Sull’arco alpino tornerà a scendere la neve, dove prevista, anche al di sotto dei 1500 metri.

Allerta della Protezione Civile

La Protezione Civile ha lanciato un’allerta gialla di ordinaria criticità per la giornata di oggi. Il rischio idrogeologico sarà principalmente localizzato sulle regioni di Marche, Abruzzo, Puglia, Umbria e Lazio. In queste zone, la perturbazione potrà presentarsi sotto forma di nubifragi o bombe d’acqua, con violenti rovesci e temporali. I venti si presenteranno molto forti sul medio e basso Adriatico, con mari mossi e agitati. La perturbazione lascerà il nostro Paese a partire dalla giornata di domenica 8 ottobre.

Aggiungi un commento