Manomette il paracadute della moglie per seguire l'amante

In Inghilterra, il sergente dell’esercito Emile Cilliers fallisce ben due volte il tentato omicidio di sua moglie Victoria. Manomette il paracadute della consorte per pagare i debiti con il premio assicurativo e seguire un’amante conosciuta su Tinder

Un volo da oltre 1000 metri di altezza e un paracadute manomesso non hanno stroncato la vita alla signora Cilliers, moglie di Emile Cilliers. La donna è infatti sopravvissuta al terribile incidente e il marito, subito sospettato dai soccorritori, è ora sotto accusa anche per un altro triste episodio avvenuto pochi giorni prima del lancio.

Una passione condivisa che poteva divenire letale

Il fatto risale al 2015, la fisioterapista dell’esercito inglese Victoria Cilliers durante un lancio con il paracadute non riesce ad aprirlo e subisce un terribile impatto al suolo. L’incidente non le costa la vita ma le causa gravi ferite alla schiena e la rottura di una gamba. Proprio il paracadutismo era la passione condivisa con il marito che l’aveva iniziata allo sport, passione sfruttata da quest’ultimo per cercare di ucciderla e riscuotere 120 mila sterline dell’assicurazione. Soldi che gli sarebbero serviti a sanare ingenti debiti sul suo conto. I soccorritori non hanno tardato a collegare Emile Cilliers all’incidente perché l’attrezzatura sembrava priva di alcuni elementi, gli stessi hanno dichiarato che “Alcune componenti del paracadute, sia di quello principale che di quello di riserva, erano misteriosamente scomparse“. Anche l’avvocato della donna sostiene: “Chi si trovava sul posto ha immediatamente capito che qualcosa non andasse nella sua attrezzatura”.


Voleva seguire una donna conosciuta su Tinder

Nonostante l’uomo continui a dichiararsi innocente, quello del paracadute sarebbe stato il secondo tentato omicidio messo in atto da Emile Cilliers nei confronti della moglie. Pochi giorni prima del lancio incriminato aveva infatti manomesso l’impianto del gas della loro abitazione per causarne una perdita che, in sua assenza, doveva essere letale per la donna. Fortunatamente il piano non ha avuto esito positivo ma Emile non si è scoraggiato nel perseguire la sua atroce missione. Oltre al denaro dell’assicurazione l’uomo sembra essere stato spinto al gesto estremo dalla passione verso un’altra donna conosciuta su Tinder, un’App di incontri. L’avvocato riporta come movente l’infatuazione nei confronti dell’amante e sostiene che negli ultimi tempi trattava la moglie Victoria “con insensibilità e disprezzo”. Il processo è ancora in corso: certo è che la sorte sembra essere più ostile nei confronti di Emile Cilliers di quanto lo sia stata verso la signora Victoria.

Aggiungi un commento