Per chi indossa abitualmente lenti a contatto, l'estate può costituire un problema da non sottovalutare. Questo perché indossarle anche in piscina, oppure al mare, può rivelarsi persino rischioso se non si osservano le giuste accortezze. Il pericolo, infatti, è quello di incorrere in infezioni o danni alle cornee qualora ci si dimenticasse di rimuovere le lenti a contatto prima di tuffarsi in acqua.

lenti a contatto

Si rivela utile, allora, come raccomandato dagli esperti, l'utilizzo di occhialini proprio per evitare che il diretto contatto tra lente ed acqua possa causare danni al bulbo oculare. L'acqua, infatti, potrebbe non soltanto spostare la lentina, ma altresì comprometterne l'idratazione, provocando irritazione e persino congiuntivite. Altrettanto pericoloso è il cloro che, al pari di altri agenti chimici presenti nell'acqua, potrebbe causare lacrimazione, occhi rossi e ipersensibilità alla luce. Anche per questo, è importante indossare sempre occhiali da sole con filtro UV fuori dall'acqua.

Attenzione anche qualora ci si trovasse in spiaggia. La sabbia, infatti, può penetrare negli occhi insinuandosi al di sotto della lente. In questi casi è preferibile non strofinare, onde evitare che i granelli graffino la cornea causando escoriazioni. Meglio è invece attendere che l'occhio tenti di espellere il corpo estraneo con la lacrimazione, oppure si può provvedere a rimuovere la lente e sciacquare l'occhio.

Nell'utilizzo delle lenti a contatto, tra le accortezze da osservare è sicuramente l'igiene ad occupare un posto di rilievo. Prima di indossarle nuovamente, occorre lavare per bene le lentine evitando di scambiarsi gli asciugamani, in modo da scongiurare il rischio di eventuali contagi infettivi. Le mani devono sempre essere ben lavate al momento di indossare le lentine, le quali vanno sempre riposte negli appositi contenitori e nelle soluzioni adatte. Anche se poco utilizzate, le lenti a contatto non vanno mai utilizzate oltre la data di scadenza indicata.