Il canone Rai presto sarà inserito nella bolletta elettrica. Basterà questa nuova misura fortemente voluta dal governo per riuscire a eliminare tutti coloro che, in questi anni, sono sempre riusciti a non pagare la tanto discussa imposta sulla tv pubblica? Probabilmente no. I soliti furbi riusciranno anche questa volta a farla franca.

La nuova norma inserita nella legge di stabilità ha lo scopo di ridurre significativamente l’evasione ma, tuttavia, i modi per riuscire a non pagare il canone sono molteplici e piuttosto semplici. Innanzitutto basterà guardare la tv in streaming sul proprio pc.

Questo sistema permetterà di evitare legalmente il pagamento del canone a condizione, ovviamente, di non possedere un televisore e nemmeno un sintonizzatore. Il Ministero dello Sviluppo Economico ha infatti confermatoNulla è dovuto per i programmi in streaming”.

Per coloro che invece preferiranno mentire sul possesso dell’apparecchio televisivo il rischio aumenta. Sarà infatti considerato un reato punibile con una reclusione fino a due anni per l’eventuale falsa dichiarazione.

canone-rai

Questa nuova forma di riscossione della tassa sulla TV trasformerà quindi le società elettriche in organi di riscossione statali. Ciò comporterà diversi problemi sia per le società che per i consumatori che potrebbero ritrovarsi in bolletta il canone anche quando esso non sia dovuto. In caso ciò accada i consumatori dovranno prima compilare un nuovo bollettino e successivamente contattare i gestori dell’elettricità per dichiarare che il canone non sia dovuto.

A coloro che verranno sorpresi a non pagare il canone in bolletta, hanno rassicurato i gestori dell’energia, non verrà staccata la corrente elettrica, in caso di corretto pagamento di quest’ultima ovviamente.