Non molla Valentino Rossi, salta di nuovo in sella e gareggia per il titolo mondiale di moto gp.

A comunicarlo è lo stesso pilota, che su Twitter ringrazia i fan per il supporto e l’affetto dimostratogli in questo momento difficile della sua carriera, che lo ha visto coinvolto nella discussa controversia con Marquez degli ultimi giorni.

valentino

“Grazie a tutti per il fantastico supporto, leggervi mi ha aiutato a superare amarezza e incazzatura. Da oggi si lavora per Valencia”. È pronto a lavorare sodo, dunque, il Dottore e non per gareggiare, ma per vincere ed ottenere il suo, ambito, 10° trofeo, nonostante la sanzione, i punti di penalizzazione e l’ultimo posto in griglia al circuito valenziano.

Ma non è solo il web a sostenere il pilota, anche uno dei giudici della gara di Sepang, Javier Alonso è dalla parte del fuoriclasse: “Marquez ha portato la situazione al limite, quello di Valentino non è stato un calcio e non c’è stato nessun insulto da parte del pilota italiano”

Intanto una petizione internazionale sta raccogliendo firme ed adesioni, per chiedere l’annullamento della penalità del campione italiano a questo indirizzo Chage.org, e ad oggi ha quasi raggiunto le 500 mila firme.

La guerra ormai non sembra essere più di Rossi o di Marquez, ma a questo punto si disputa sui social, tra i sostenitori e gli avversari del marchigiano.