Fabrizio Corona può tornare a casa: questa la decisione del Giudice di Sorveglianza in seguito alla richiesta dello stesso Corona di avere un’ulteriore opportunità dopo l’affidamento ai servizi sociali presso la Comunità Exodus di Don Mazzi. Il Re dei Paparazzi si era infatti rivolto ai giudici parlando di quanto tale esperienza fosse stata preziosa per lui e definendo se stesso “un uomo nuovo“.

Arriva quindi per Fabrizio Corona una buona notizia: assistito dai suoi avvocati, Ivano Chiesa e Antonella Calcaterra, il vip è riuscito a convincere il Tribunale di Sorveglianza di Milano delle sue ottime intenzioni ed il giudice si è pronunciato in favore di un affidamento che si svolga “sul territorio”: ciò significa che Corona dovrà impegnarsi nel servizio sociale ma non dovrà dormire presso la comunità, bensì potrà tornare a casa.

Vi saranno comunque delle disposizioni da seguire correlate all’affidamento e che saranno estremamente importanti da rispettare.

Fabrizio-Corona-tribunale

Ricordiamo che la richiesta di far uscire dal carcere Fabrizio Corona era stata diretta conseguenza dell’aggravarsi delle sue condizioni psico-fisiche. Apatia, depressione e sensibile dimagrimento e deperimento fisico sopravvenuti durante il periodo di detenzione carceraria, avevano spinto la famiglia a chiedere una modifica nella pena: nel Giugno di quest’anno il Giudice Giovanna di Rosa aveva deciso di soddisfare la richiesta, basandosi sul fatto che Corona fosse un soggetto non pericoloso a livello sociale e che aveva precedenti di tossicodipendenza.

Reduce dall’esperienza a Exodus, il vip si è dichiarato un uomo cambiato e nel pieno di un periodo di trasformazione: in un discorso tenuto davanti ai giudici Corona dichiarava “Mi è stata data un’opportunità e vi ringrazio molto, datemene un’altra, sono un uomo nuovo e ve lo dimostrerò, fidatevi di me“.

In quell’occasione molti suoi fan lo avevano appoggiato assistendolo all’esterno dell’aula e facendogli sentire il suo appoggio, mentre entrava in Tribunale, con frasi di incoraggiamento.