Dal mese di gennaio tutti gli appassionati di calcio potranno godersi le partite della Champions League anche sul satellite. Mediaset Premium avrebbe deciso questa manovra per far sì che la Champions League abbia maggiore seguito, visti gli esiti non proprio felici per quanto riguarda gli abbonamenti alla pay TV.

Questo, almeno, sarebbe ciò che si intuirebbe leggendo attentamente la notizia sportiva, riportata, lunedì 26 ottobre, da Affari e Finanza de la Repubblica, articolo inserito nell’ambito delle analisi di mercato delle televisioni a pagamento in Italia. Mediaset Premium avrebbe deciso l’operazione dopo aver respinto l’offensiva di Sky, che la voleva acquistare.

Uefa testo

Mediaset pensava che l’acquisizione dei diritti TV della Champions League, per il triennio 2015-2018, avrebbe portato molte più adesioni e ricavi, cosa che non è avvenuta, nonostante la pubblicità insistente. A causa di ciò, il gruppo della famiglia Berlusconi lancerà i decoder per catturare anche il pubblico del satellite. Questa potrebbe essere una scelta azzardata, ma quasi necessaria per Mediaset.

Altra manovra che il gruppo del “Biscione” avrebbe interesse ad eseguire a breve è quella riguardante la Samsung: la famosa azienda sudcoreana dovrebbe realizzare i decoder per il gruppo di Cologno Monzese.

I decoder Samsung saranno prodotti di alta qualità, proposti al pubblico italiano non solo per quel che riguarda le partite di calcio e la Champions League. A quanto sembra, però, anche questa tattica porterebbe dei rischi, soprattutto per i guadagni. Non resta che attendere il mese di gennaio e le partite di Champions per poter azzardare delle ipotesi.