Yanis Varoufakis sembra aver chiuso con i tempi della ribellione, del No greco alla sottomissione europea e della lotta per gli ideali populisti. Il guerriero del popolo amato dai cittadini greci per il suo radicale attaccamento ai principi e per la sua indole carismatica sembra essersi allontanato dagli stessi ideali che difendeva.

L’ex ministro delle finanze greco si era dimesso dall’incarico subito dopo il referendum di luglio sulla posizione greca nei confronti dell’Unione Europea (ricordiamo che Varoufakis si era dimesso nonostante la vittoria del referendum nei confronti dei diktat europei). Da allora pare che il politico greco noto a livello internazionale (anche più noto del primo ministro Alexis Tsipras) si sia dato ad una professione diversa e laterale alla politica, ovvero quella del conferenziere, e pare che il suo nuovo lavoro frutti molto bene.

Il settimanale greco “Proto Thema”, testata di allineamento populista, sarebbe entrata in possesso di una mail spedita a Varoufakis da un’agenzia di Londra specializzata in conferenze di ex leader politici. Nella mail è presente una sorta di “tariffario” in cui l’agenzia si propone di pagare fino a 55.000 euro la presenza dell’ex politico ad una conferenza.

Cifra non da poco per un uomo del partito del popolo. Il settimanale ha ovviamente avuto modo di interpellare l’agenzia in oggetto, che non ha commentato, né confermando né negando quanto scritto nella mail.

varoufakis_no
Si tratta di cifre estremamente alte, soprattutto considerando che i 55 mila euro erano considerati sufficienti per una conferenza in territorio extra europeo: per l’Unione Europea il tariffario prevedeva cifre tra i 1400 ed i 4000 euro. Ovviamente il settimanale greco si è espresso in toni molto critici nei confronti di un uomo accusato dal giornale stesso di essere un ex marxista radicale e che ha colto l’occasione di lucrare sulla crisi che sta mettendo in ginocchio il suo paese.

 Dopo aver sconvolto l’opinione pubblica greca, lo scoop sull’ex ministro è stato ripreso dal “Daily Telegraph” e diffuso all’estero.