leopardo

Allarme estinzione per i leopardi delle nevi: in calo del 20% soltanto negli ultimi 16 anni. Attualmente sopravvivono soltanto 4mila esemplari, messi a dura prova dai cambiamenti climatici in atto all’interno degli habitat himalayani in cui vivono. Per questo con il rapporto “Fragile connections – Snow leopards, people, water and the global climate” il Wwf invoca un’azione internazionale per proteggere dall’estinzione le unità rimaste.

Oltre al progressivo aumento delle temperature – che di per sé costringe la popolazione animale a spostarsi verso areali sempre più ristretti – la sopravvivenza dei leopardi è minacciata anche dal bracconaggio.

Ciò ha indotto l’Unione Mondiale della Conservazione della Natura ad inserire tale specie all’interno della categoria Endangered, la lista rossa che include tutte le specie animali a rischio.

leopardo-nevi

Con la sua Campagna Clima, il Wwf chiede un pronto intervento collettivo non soltanto per i leopardi delle nevi, ma anche per le ulteriori popolazioni animali che abitano aree geografiche investite dal cambiamento climatico (come i pinguini di Adelia, gli orsi polari, le pernici bianche, i trichechi e i fenicotteri delle Ande). La speranza è che i primi interventi siano messi in atto già a partire dalla 21esima Conferenza delle Parti della Convenzione Quadro sui Cambiamenti Climatici nell’ambito delle Nazioni Unite, in programma a Parigi.

L’allarme riguarda più in generale le aree geografiche entro cui si estende l’habitat dei leopardi delle nevi, tra cui Paesi quali India, Cina, Pakistan, Nepal, Russia, Mongolia, Afghanistan. Sono oltre 330 milioni le persone che vivono proprio entro 10 km dai bacini idrografici di tali regioni, da cui dipendono per la sopravvivenza. Il surriscaldamento globale potrebbe determinare variazioni sulla disponibilità delle acque, mettendo in pericolo milioni di persone.

“Occorre un intervento urgente per frenare i cambiamenti climatici e prevenire un ulteriore degrado dell’habitat del leopardo delle nevi – riferisce Rishi Kumar Sharma, promotore del programma sul leopardo delle nevi lanciato dal  Wwf – altrimenti questo straordinario felino definito il ‘fantasma delle montagne’ potrebbe scomparire, insieme con le riserve d’acqua che sono vitali per centinaia di milioni di persone“.