barbara berlusconi

I figli di Silvio Berlusconi, reduce dall’operazione delicata subita al cuore ed ora a riposo ad Arcore, si godono qualche giorno di relax, tutti insieme, a Villa Certosa, in Sardegna. Proprio in quella villa famosa, dove Silvio, ha detto di far fatica a tornarvi dopo quel periodo che lo ha visto per lungo tempo protagonista del gossip, e invece i figli, evidentemente, sentono ancora quel posto come familiare.

Estate di attese in casa Berlusconi

Durante la convalescenza di Silvio ad Arcore, parte della famiglia Berlusconi si ritrova quindi a Villa Certosa, inaugurando un’estate 2016 all’insegna di “grandi attese”. Barbara Berlusconi, infatti, mostra il pancione sul pontile, in compagnia della famiglia e del compagno, godendosi i suoi giorni di relax insieme al fratello più piccolo, Luigi, 27 anni e dichiarato single dal gossip, e alla sorella Eleonora, anche lei in attesa.

Barbara: madre per la terza volta

L’amministratore delegato del Milan, già madre di due bambini, Alessandro ed Edoardo, nati dalla sua precedente relazione con Giorgio Valaguzza, è infatti in attesa sì del terzo figlio, ma sarà il suo primo bambino (perché a quanto pare sarà proprio un maschietto) con il compagno Lorenzo Guerrieri. La sorella Eleonora, invece, diventerà mamma per la seconda volta, dopo Riccardo, 3 anni, e stavolta sarà una bambina.

L’assenza alla presentazione del nuovo tecnico del Milan

A giudicare dalle forme, Barbara, sarà prossima al parto e si gode i suoi giorni di relax prima del grande evento.E proprio per questo motivo non avrebbe presenziato alla presentazione del nuovo tecnico del Milan, Vincenzo Montella.

L’incontro col compagno Lorenzo Guerrieri

Lorenzo Guerrieri è un ragazzo normalissimo, originario di Monza, che non conosceva i lussi della vita mondana. Ed è proprio a Monza che Barbara lo ha incontrato per la prima volta al ristorante-enoteca Il Mulino, dove era solita andare in compagnia dell’ex fidanzato, il calciatore Pato.

Sembra che la loro storia infatti, all’inizio sia stata segreta proprio perché la relazione con il calciatore non era ancora conclusa.