Bonucci parla del figlio e si commuove: "Sono stati momenti duri"

Durante il ritiro degli Azzurri in vista della partita di qualificazione ai Mondiali contro la Spagna, Leonardo Bonucci, difensore della Juventus e della Nazionale, ha parlato per la prima volta del difficile momento familiare che si è trovato ad affrontare negli ultimi mesi e che lo ha portato a fare delle scelte importanti.

Il figlio Matteo è stato operato per una patologia acuta

Il figlio di 2 anni, Matteo, ha subito una delicata operazione per una patologia acuta presso l’ospedale infantile Regina Margherita di Torino: fortunatamente ora il piccolo sta meglio, ma il calciatore ha chiaramente trattenuto a stento le lacrime quando ha dovuto affrontare l’argomento.

A tal proposito Bonucci ha dichiarato: “Quello che ho passato negli ultimi 2 mesi mi ha dato una grossa forza e per questo ringrazio Matteo, Lorenzo (il fratellino di Matteo) e mia moglie. Sono stati momenti duri e abbiamo lottato”.

La vita è più importante di una partita di calcio

Il ricovero del piccolo Matteo, l’operazione, la paura e la sofferenza di vedere il proprio figlio star male sono cose che ti fanno cambiare il modo di vedere la vita: “Sono momenti che ti fanno crescere e ti fanno capire la reale importanza delle cose. Il calcio è importante, ma alcune critiche, rimproveri, discussioni, mugugni, le vedi sotto un’altra luce.

C’è sempre da migliorare, ma quel che ti accade nella vita è più importante di un passaggio sbagliato”.

Italia–Spagna: il match termina in pareggio

In virtù di quanto accaduto negli ultimi mesi, il calciatore viterbese si sente ancora più forte, perché “Quando stai bene nella testa e nel cuore, puoi affrontare qualsiasi cosa”: e lo ha dimostrato in occasione della partita contro la Spagna tenutasi ieri sera presso lo Juventus Stadium di Torino, dove ha dimostrato una crescita costante col passare dei minuti e vincendo il duello con Costa.

D’altronde la partita con la Spagna era tutt’altro che facile, come dichiarato dallo stesso Bonucci in conferenza stampa, infatti, “Incontreremo una Spagna diversa da quella dell’Europeo, con nuove motivazioni, condizioni psicofisiche diverse e vorranno riscattare la sconfitta dell’Europeo”.

E così è stato: con una partita che ha visto la difesa azzurra assediata per circa un’ora, ma reggere nonostante la pressione degli avversari: alla fine la partita si è conclusa con un preziosissimo 1-1, grazie ad un rigore di De Rossi che ha messo una pezza ad un erroraccio di Buffon che sbagliando completamente i tempi dell’uscita ha regalato a Vitolo un facile gol a porta vuota. Ma come dimostrato da Bonucci, ci sono cose più importanti di un errore commesso durante una partita di calcio e in attesa della partita con la Macedonia, in programma il prossimo 9 ottobre, il pensiero va sempre e comunque al piccolo Matteo.