bonucci

Non lo ha mai nascosto: per il difensore azzurro e della Juventus Leonardo Bonucci, gli ultimi mesi sono stati difficili per via della malattia del suo secondogenito Matteo. Il figlio più piccolo del calciatore viterbese, 2 anni, infatti già questa estate era stato operato a causa di una patologia acuta, con Bonucci che già una volta aveva confessato, commosso, la delicatezza della situazione in famiglia.

Un momento difficile

Dopo un’estate passata in apprensione, ora sembra che il piccolo Matteo stia bene, come confermato da papà Leonardo, forte anche dell’affetto e dell’appoggio da parte dei tifosi italiani non è mai mancato, al di là di ogni fede e credo calcistico.

Inevitabile e comprensibile che la questione, però, sia ancora spinosa per Bonucci.

L’11 novembre, in occasione di un collegamento con la Domenica Sportiva, il calciatore non è riuscito a trattenere le lacrime; quando la giornalista gli ha domandato di commentare  e condividere la sua toccante esperienza, Bonucci ha così commentato: “È stato un periodo difficile. Ringrazio i tifosi, juventini e non, di avermi dimostrato solidarietà, affetto e vicinanza in questi mesi, che sono stati un banco di prova importante per la mia famiglia. Quando faccio il mio lavoro in campo, va bene che risulti antipatico.

Fuori dal campo, i tifosi della Juve e non solo sanno come sono, e spero che possano apprezzare questo mio essere“.

La commozione di Bonucci

Durante il collegamento, il difensore della nazionale ha spiegato come l’amore e il coraggio del suo secondogenito abbiano aiutato la sua famiglia a superare questo momento non facile: “Quando ti unisce un sentimento come l’amore, l’amore per un figlio, l’amore tra marito e moglie, sei pronto a tutto. L’unione fa la forza. Matteo è stato il primo a darcela, dimostrandosi un guerriero. Non ha mai mollato e noi gli siamo andati dietroOra sta bene, ma è stata una cosa che mi ha fatto crescere e che mi ha insegnato a dare il giusto peso alle cose“.

 È