Mara Venier: "La mia priorità è mio marito Nicola Carraro"

Mara Venier afferma di non essere dispiaciuta per i pochi impegni in tv, perché al momento pensa soltanto al marito. Ma non manca di spendere qualche parola su Simona Ventura.

Mara Venier racconta in un’intervista a “Oggi” il suo rapporto con il marito Nicola Carraro ed il suo presunto riavvicinamento alla Rai. Dopo aver lasciato la conduzione quotidiana de “La Vita in Diretta“, la Mara Nazionale ha infatti lasciato la rete ammiraglia Rai, per dedicarsi ad ospitate e ruoli da opinionista in reality targati Mediaset. Ma nonostante tutto, Mara afferma di non avere rimpianti, perché le sue priorità sono altrove: “Con la Rai c’è stato un riavvicinamento, ma non so a cosa porterà – ha affermato la Venier nell’intervista -… Io sono libera, non ho contratti con nessuno né smania di elemosinare lavoro a chicchessia“…. Sì, perché al momento ciò che le preme di più è stare accanto al suo Nicola Carraro: “Se arrivasse un impegno come quello che fu ‘La vita in diretta’ – ha ammesso – farei fatica ad accettare: una trasmissione quotidiana stravolge la vita, e la mia priorità ora è mio marito”.

La delusione per un’esperienza vissuta a inizio carriera

Per l’intervista Mara ha aperto le porte della sua casa romana, al cui interno è presente anche un dipinto che le regalò Renzo Arbore, nel periodo in cui i due stavano insieme: “Me lo portò tra fogli di giornale legati con lo spago, tornando dall’Argentina – ha raccontato a proposito di quel regalo – E io, insicura e convinta che mi amasse davvero, interpretai quel regalo come un segno d’amore, il primo”. Poi Mara riferisce un particolare della sua vita professionale, uno di quelli che ricorda ancora per la grande delusione che le ha recato. Si tratta di un’esperienza vissuta a inizio carriera, quando avrebbe dovuto essere co-conduttrice dello show Ora di Punta: “Ha segnato tutta la vita professionale – ha raccontato – quando ero agli inizi, a Federico Fazzuoli diedero un preserale che si chiamava Ora di punta, di cui dovevo essere una co-conduttrice. Fazzuoli non mi voleva, mi fece convocare da Mogol, che ne era l’autore, perché mi convincesse ad accettare di essere una presenza quasi muta”.

“Nessun rancore” per Simona Ventura

Un episodio in cui la Venier non tardò a mostrare la sua personalità, nonostante avesse come interlocutore Mogol: “Diedi una risposta tale che Mogol mi disse che non avrebbe mai immaginato che un signore come Arbore potesse stare con una così – ricorda ancora – Ma io mi ero sentita molto umiliata.… Poi Fazzuoli cercò di mandarmi via“. E Mara non manca di soffermarsi anche sulle recenti polemiche scoppiate con Simona Ventura, che l’ha accusata persino di non risponderle a telefono. A tal proposito Mara Venier: “Nonostante tutto, non porto rancore neanche a lei”.