GENOVA- Non ce l’ha fatta la più giovane delle due ragazze ritrovate ieri sera prive di sensi. Le due avevano assunto un cocktail di droga e alcol che si è rivelato fatale. La minorenne è giunta in ospedale già in condizioni disperate. La più grande, una venezuelana di 25 anni, è ancora ricoverata in condizioni stabili.

Overdose nella notte

È stato un pensionato del quartiere a lanciare l’allarme. Le due ragazze si erano intrufolate nel suo appartamento. La più grande, di origini venezuelane, lavorava presso la casa dell’anziano come badante della moglie. La 25enne aveva avuto dall’uomo le chiavi di casa, in caso di necessità.

Il pensionato si è alzato nel cuore della notte, per assumere farmaci che lo aiutino a dormire, poiché soffre di insonnia. In quel momento ha visto le due giovani esanimi, in overdose da alcol e droghe. A quel punto l’anziano ha immediatamente avvisato i soccorsi giunti tempestivamente in via Borgatti.

Le indagini e le condizioni

Trasportate d’urgenza al pronto soccorso, le due sono risultate essere positive a test di diversi stupefacenti. È lì che è morta la più giovane, una 17enne di origini ecuadoriane, giunta in condizioni disperate. La venezuelana, invece, è ancora sotto osservazione all’ospedale di San Martino, ma le sue condizioni appaiono meno gravi e stabili.

Sul caso sta indagando la squadra di Carabinieri della compagnia di San Martino di Genova. Gli inquirenti si stanno già muovendo per identificare gli spacciatori che hanno procurato alle due ragazze la dose letale.