insinna2

È implacabile la bufera scatenata sul caso Insinna, dopo il servizio di Striscia La Notizia, che ha mostrato lo sfogo fuorionda dell’attore romano. L’onda d’urto della faccenda continua a travolgere il conduttore. Ora che la concorrente della Val d’Aosta minaccia la querela, per Flavio sono davvero Affari “Suoi”.

Il ciclone che si è abbattuto su viale Mazzini, travolge Rai 1 in ogni suo angolo. Mentre Andrea Fabiano lascia intendere che non ci saranno provvedimenti per Insinna, Lucio Presta, esplode indignato.

Caso Insinna: parla la concorrente insultata

Il suo nome è Rosy Seracusa, ormai nota come la “nana di me**a” di Affari Tuoi, o meglio come l’ha definita Insinna nelle sue calunnie fuorionda. La donna profondamente offesa ha parlato ai microfoni di Radio24, intervistata dal programma La Zanzara. “Con me è sempre stato cortese. Ma evidentemente Insinna ha due facce, una pubblica e una privata” ha tuonato la Seracusa. “Non giustifico le sue frasi in alcun modo. Nessuno della Rai finora si è fatto sentire. Con i suoi autori si può arrabbiare quanto vuole, ma non mette in mezzo me, la mia faccia, la mia professionalità. Io faccio l’informatore medico e ricevo continue telefonate da colleghi e amici per come sono stata trattata in tv. È una cosa che mi danneggia nel mio lavoro“.

La donna valdostana è decisa ad andare avanti nella sua battaglia contro Insinna ed i suoi insulti. Per questo la Seracusa ha fatto sapere che per l’attore ci saranno ripercussioni legali. “Ci sono rimasta malissimo, mi sento offesa. Probabilmente lo denuncerò“.

Il tweet di Fabiano

Il direttore della rete ammiraglia della tv nazionale ha subito messo in chiaro la sua posizione sulla faccenda. A quanto pare l’emittente televisiva non prenderà alcun provvedimento contro il conduttore.

Schierandosi apertamente dalla parte di Insinna, tradito da qualcuno della sua equipe, che non solo l’ha registrato a sua insaputa, ma che ha consegnato il materiale audio al tg satirico della rete concorrente, Andrea Fabiano ha esplicato tutto in un post su Twitter. “Solidarietà totale, umana e professionale, a @insinnaflavio #Insinna“.

La furia di Lucio Presta

Una decisione, quella di non intervenire, che ha scatenato una furiosa reazione di Lucio Presta, il manager dei vip. A quanto pare, come in un domino impazzito, il servizio di Striscia La Notizia che ha screditato Flavio Insinna, ha avuto effetti e conseguenze devastanti in casa Rai. Presta, infatti, ha risollevato la faccenda della cliente, nonché moglie, Paola Perego, il cui programma in Rai è stato chiuso mesi fa.

Come mi sarebbe piaciuto leggere un messaggio così dopo la gogna mediatica alla quale è stata esposta @peregopaola senza colpe . #Insinna“. Secondo Lucio Presta la Perego è stata ingiustamente penalizzata, dopo che Parliamone Sabato è stato tacciato di sessismo e razzismo.

Le ragioni di Striscia

Intanto il tg satirico informa gli utenti e i telespettatori della sua scelta di pubblicare il servizio su Insinna. La redazione di Striscia La Notizia, comincia spiegando che il servizio non si apre con il famigerato fuorionda, bensì con l’intervento del conduttore al programma di Bianca Berlinguer. Qui il conduttore di Affari Tuoi si sarebbe mostrato particolarmente motivato nell’esporre il suo punto di vista politico. “Da Bianca Berlinguer Insinna è il commediante con tanto di copione al seguito” spiega Striscia. “ha recitato passi densi di senso civico sui temi cari alla sinistra, parole alate su accoglienza, solidarietà verso gli ultimi e uguaglianza“.

Parole così accorate, che non solo sono state citate dalla pagina Facebook di Sinistra Italiana, ma che addirittura sono divenute vessillo della propaganda di Michele Emiliano. Le nostre rivelazioni servivano solo a sventare un’ennesima gaffe della sinistra che per l’ennesima volta avrebbe puntato sul leader sbagliato“. Un “leader” che dietro le quinte si è rivelato essere irascibile e poco diplomatico.