Bali: evacuate 30mila persone per l'imminente eruzione del vulcano Agung

BALI – Era il 1963 quando il vulcano Agung (3.031 metri), vero ‘signore’ di Bali, eruttò, uccidendo 1.100 persone. Ora, intensi sciami sismici e accrescimento del volume nella camera magmatica hanno fatto immediatamente salire l’allarme. Evacuate già 30mila persone in un raggio di 12 chilometri dal monte, ma sono previste ulteriori misure di sicurezza, tra cui rifornire la popolazione di maschere per respirare.

Turisti al sicuro ed aereoporto in funzione

Nonostante l’allerta massimo e le ore di angoscia nell’attesa dell’eruzione, l’aeroporto dell’isola, Denpasar, non ha cancellato o rimandato voli. Da un lato questo tranquillizza chi ha amici o parenti in vacanza, ma la protezione civile locale non abbassa la guardia ed ha evacuato anche i centri turisti vicini alla zona “off limit”.

L’Australia, ed alcuni Paesi limitrofi, stanno però sconsigliando ai propri cittadini di prendere il viaggio per Bali. La precedente eruzione aveva prodotto lava per un’ intero anno e le ceneri aveva raggiunto Giakarta, capitale dell’Indonesia, mille chilometri a nord-ovest. I morti, nel 1963, furono 1.100. L’Agung è uno dei quattro vulcani di Bali e degli oltre 120 in Indonesia ad essere attivo e costantemente monitorato.

Se, da un lato, non si tratta di un vulcano di tendenza non esplosiva (le eruzioni sono accompagnate da terremoti, e colate laviche lente e costanti senza un’imprevidibile scoppio), il picco iniziale potrebbe superare la soglia dei 12 chilometri attualmente evacuati.

Richiesto l’intervento dell’Agenzia nazionale per la gestione dei disastri

L’emergenza però non è stata sottovalutata. Nell’ultima settimana la crescita del magma è stata definita dagli esperti come “eccezionale”, tanto da far scattare subito l’allarme. Molti studiosi stanno sostenendo che, forse proprio per i terremoti della placca pacifica, che hanno caratterizzato le forti scosse in Messico, la lava sopra cui si muove la crosta terrestre, tenti di sfogarsi tramite i vulcani della fascia sud-indonesiana.

Grande ansia e preoccupazioni, per gli abitanti, che verranno dotati di maschere, quando la cenere da eruzione calerà sui centri abitati. Stando alle ultime notizie, il vulcano potrebbe eruttare nel giro di poche ore.