Viktor, diseredato dalla famiglia perché vuole fare il comico, Lino Banfi: "Non mollare"

Victor Quadrelli ha 27 anni ed un grande sogno: fare il comico. Tra i suoi idoli ci sono Lino Banfi e Paolo Villaggio, ma la sua scelta non è piaciuta alla famiglia adottiva (Victor è stato adottato a 8 anni da una famiglia di Rimini, che lo ha portato in Italia dalla Colombia), che lo ha diseredato e cacciato di casa. Per stare più vicino al mondo del cinema, Victor ha deciso di trasferirsi a Roma, dove vive di imitazioni di Fantozzi e dorme alla Stazione Termini.

L’incontro di Victor con Lino Banfi

Quando Victor ha saputo dell’inaugurazione del ristorante di Lino Banfi, Orecchiette alle Cim di rèp, si è precipatato per salutare e raccontare la sua storia al suo mito.

Purtroppo, causa una grande calca e le ore di coda per fare anche solo un saluto, più che una fugace stretta di mano ed una foto insieme, Victor non ha ottenuto altro. Fuori dal locale, si è comunque dichiarato contento, ed ha raccontato ad un inviato di La Repubblica, la sua vita. Seguito dalle telecamere, in una sua giornata tipo, Victor mostra come “campa” di elemosina, con un cartello che recita: “Fantozzi non è morto… la sfiga continua“.

  La sua famiglia adottiva non ha apprezzato le doti comiche del giovane: “Mi hanno sempre rinfacciato – racconta Victor – che cosa faresi adesso in Colombia, se non fossero arrivati loro?”.

Poi… il sogno s’avvera

Dopo qualche giorno dall’incontro però, l’incredibile diventa realtà: Lino Banfi, venuto a sapere della sua incredibile storia, ha chiesto di combinare un’incontro con Victor. Un po’ imbarazzato, ma molto emozionato, il giovane ha incontrato il suo mito nel ristorante appena inaugurato.

Mi ha intenerito la tua storia – racconta il comico pugliese durante l’incontro –perché è capitato anche a me. Quando avevo 18-19 anni, tanti anni fa, a Milano ho dormito nei palazzi in costruzione, alla Stazione, addirittura mi sono operato alle tonsille senza averne bisogno pur di stare in un luogo caldo. La cosa che mi ha sempre fatto andare avanti, e che ti consiglio, non sare retta ai genitori. Se hai la voglia e la passione in questo lavoro, allora riuscirai“. I consigli di Lino Banfi hanno impressionato Victor, che, al settimo cielo, ha deciso di proseguire e raggiungere il suo sogno.