GIANNI MORANDI PIANGE L'ELIMINAZIONE DELL'ITALIA DAI MONDIALI

La vicenda è accaduta a Milano: il cantante, attore e conduttore televisivo Gianni Morandi, dopo aver presentato l’uscita del suo nuovo album intitolato D’amore d’autore, ha dichiarato con grande rammarico di avere pianto per la sconfitta dell’Italia da parte della Svezia che ha comportato l’uscita definitiva della Nazionale dai mondiali di calcio che si terranno in Russia nel 2018.

La triste dichiarazione di Morandi alla presentazione del nuovo album

Ieri, giovedì 16 novembre 2017, è stato presentato a Milano il nuovo album di Morandi, il 40esimo, dal titolo D’amore d’autore, che esce proprio oggi: venerdì 17 novembre. Dopo la presentazione del disco, il cantante non si è più trattenuto e ha confessato di avere pianto per la dolorosa sconfitta della nazionale italiana da parte della Svezia, avvenuta lunedì 13 novembre.

Questa è stata la sua dichiarazione: “L’altra sera ho pianto per l’eliminazione dell’Italia. Ho sofferto tanto. Mi dispiace per questo Paese. Ci saranno tutti in Russia, pure l’Islanda, sarà una grande festa e noi non ci saremo… Che brutta cosa“.

E ha aggiunto: “In quel momento non ho pensato nemmeno al problema dei troppi stranieri o all’importanza dei vivai italiani, ero troppo triste. E non credo nemmeno sia tutta colpa di Ventura.

Poi, con calma, pensi: doveva giocare quello, dovevano fare così… Ma ormai ogni riflessione lascia il tempo che trova“.

L’Italia ha perso: è colpa di Tavecchio? Morandi ci ride sopra

Come Gianni Morandi, tutta l’Italia è rimasta delusa da questa sconfitta che non permetterà alla Nazionale di partecipare ai mondiali in Russia nel 2018. In questi giorni sono state tante le accuse verso il presidente della FIGC (Federazione italiana Giuoco Calcio): Carlo Tavecchio. Secondo molti e soprattutto secondo l’Assocalciatori, la colpa di questa sconfitta sarebbe proprio sua: imputabile al fatto di non aver investito su una squadra composta da calciatori giovani e italiani, ma su giocatori stranieri.

Questa polemica resta ancora aperta, ma chiedendo a Morandi se secondo lui sia il caso che Tavecchio dia le dimissioni, ridendo, risponde: “Questo non lo so ma io non ci vado al posto suo…”.